Regioni

Accordo Regione Marche-Simest per lo sviluppo dell’export e l’internazionalizzazione delle imprese

 

È stato siglato un accordo di collaborazione tra la Regione Marche e Simest, la società del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti che sostiene finanziariamente l’export e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, in particolare delle Pmi. L’intesa, firmata da Mirco Carloni, vice presidente della Regione Marche e assessore alle Attività Produttive, e da Mauro Alfonso, amministratore delegato di Simest, ha l’obiettivo di promuovere l’internazionalizzazione delle imprese marchigiane attraverso gli strumenti finanziari offerti dalla società del Gruppo Cdp. “L’obiettivo della Regione Marche è quello di far conoscere le opportunità che esistono nel processo di internazionalizzazione delle nostre imprese – ha affermato Carloni – Vantiamo un sistema produttivo molto credibile, spesso a dimensione familiare, ma di eccellenza. Abbiamo, quindi, quei requisiti di imprenditorialità e di qualità ricercati nel mondo attraverso il Made in Italy”. Dopo aver siglato analoghi accordi d’intesa con Ice, Cassa depositi e prestiti e Sace, “concludiamo questo ventaglio di opportunità finanziarie che vanno ad aggiungersi a quanto già può offrire la Regione all’imprenditoria marchigiana, sul fronte dell’innovazione e dell’internazionalizzazione, attraverso gli strumenti di finanza agevolata previsti dai fondi europei del Por Fesr”, ha evidenziato Carloni. “L’accordo firmato ci consente di promuovere, su un territorio che contribuisce in misura importante all’export nazionale, la nostra attività a sostegno del Made in Italy nel mondo – ha commentato Alfonso – Il nostro obiettivo è quello di favorire l’aumento di competitività delle imprese marchigiane già presenti internazionalmente, ma anche invogliarne altre ad aprirsi all’estero, sostenendole sin dalle fasi iniziali per tutto il percorso di internazionalizzazione”. Alfonso ha poi ricordato gli interventi sostenuti da Simest a favore delle imprese marchigiane: sul fronte della finanza agevolata, 400 aziende hanno potuto effettuare 700 operazioni per un importo complessivo di 150 milioni di euro. Altre sette imprese hanno beneficiato di investimenti diretti per 200 milioni di euro, mentre ulteriori 270 aziende marchigiane hanno potuto usufruire, attraverso Simest, di 37 milioni di euro del Pnrr. Gli obiettivi dell’accordo puntano a promuovere i servizi di Simest attraverso iniziative congiunte di informazione e formazione sul territorio finalizzate a facilitare l’accesso, da parte delle aziende marchigiane, agli strumenti di finanza agevolata gestiti in convenzione con il ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale; fornire assistenza alle imprese nella definizione della strategia di crescita all’estero e nella strutturazione di progetti imprenditoriali, con l’obiettivo di sostenerle finanziariamente; favorire il sostegno a progetti e iniziative di internazionalizzazione che rientrino nelle tre linee di intervento offerte da Simest: Finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione, Investimenti in equity, Supporto all’export credit.

Related posts

Umbria: diga del Chiascio, dopo tanti stop il progetto riparte

Redazione Ore 12

Ristori, partiti i Bandi in Emilia Romagna per sostenere le imprese colpite dalla pandemia

Redazione Ore 12

Regione Lombardia investe sull’ammodernamento degli impianti sciistici (3.12 mln)

Redazione Ore 12