Esteri

Afghanistan: i talebani conquistano la città di Farah. Appello delle Nazioni Unite. Drammatico il bilancio delle vittime civili

Afghanistan: i talebani conquistano la città di Farah. Appello delle Nazioni Unite. Drammatico il bilancio delle vittime civili

(Red) I talebani hanno conquistato la città di Farah, nell’Ovest dell’Afghanistan. “Abbiamo conquistato il centro di Farah, la città è sotto il completo controllo dei mujaheddin”, ha reso noto un portavoce. E’ la settima Provincia ad essere conquistata dall’avvio della nuova offensiva. E su quanto sta accadendo in questo Paese martoriato da guerre e distruzioni da registrare l’intervento delle Nazioni Unite: “In Afghanistan, dal 9 luglio solo in quattro città – Lashkar Gah, Kandahar, Herat e Kunduz – almeno 183 civili sono stati uccisi e 1.181 feriti, compresi bambini. Queste sono solo le vittime civili che siamo riusciti a documentare: le cifre reali saranno molto più alte”, ha detto l’Alto Commissario Bachelet, avvertendo che anche prima delle ultime offensive militari talebane nei centri urbani le Nazioni Unite avevano documentato un forte aumento delle vittime civili.“Le parti in conflitto devono smettere di combattere per prevenire ulteriori spargimenti di sangue – è il suo monito-. I talebani devono cessare le loro operazioni militari nelle città. A meno che tutte le parti non tornino al tavolo dei negoziati e raggiungano un accordo pacifico, la situazione già atroce per tanti afghani peggiorerà molto”. Bachelet ha anche esortato tutti gli Stati a usare la loro influenza – bilateralmente e multilateralmente – per porre fine alle ostilità. “Gli Stati hanno il dovere di usare qualsiasi leva abbiano per allentare la tensione e rinvigorire i processi di pace. Bisogna porre fine ai combattimenti”, ha esortato l’Alto Commissario. Secondo i rapporti documentati dalla Missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA) e dall’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, la maggior parte dei danni ai civili è causata da scontri a terra. Gli attacchi aerei hanno anche provocato vittime civili. Inoltre, dall’inizio dell’offensiva talebana di maggio, almeno 241.000 persone sono sfollate e i prolungati combattimenti nelle città hanno provocato danni a infrastrutture essenziali come strade e ponti. La situazione nella città meridionale di Lashkar Gah, capitale della provincia di Helmand, dimostra chiaramente l’impatto straziante che le ostilità nelle aree urbane hanno sui civili. In soli 13 giorni dal 28 luglio, quando sono iniziati i combattimenti in città, le Nazioni Unite hanno ricevuto segnalazioni di almeno 139 civili uccisi e 481 feriti.

Related posts

Immigrazione illegale, Austria: “E’ chiaro a tutta l’ Ue che vada combattuta”

Redazione Ore 12

Caso Zaki, la difesa chiede la sostituzione dei giudici

Redazione Ore 12

Russia – Ue, Cremlino: “Relazioni in ostaggio dei Paesi baltici e Polonia”

Redazione Ore 12