Roma Capitale

Appello della Raggi al Governo: “Salvi Alitalia così come noi con Atac”

La sindaca di Roma Virginia Raggi lancia un appello al Governo Draghi perché salvi Alitalia, e mostra all’esecutivo un esempio virtuoso: il salvataggio di Atac operato dalla sua Giunta. “Da ieri i lavoratori di Alitalia sono in serie difficoltà. Parliamo di 11mila persone che hanno visto dimezzarsi lo stipendio ed ora sono in difficoltà nel mantenere le proprie famiglie. Voglio rivolgere un appello al Governo affinché intervenga a sostegno di chi lavora seriamente”, racconta la sindaca di Roma sulla sua pagina Fb. “Sono ormai decenni, infatti, che l’azienda, malgrado uno sperpero di soldi pubblici – sostiene Raggi – non riesce ad uscire da una crisi nera. Una compagnia di bandiera nazionale è necessaria: io sono convinta che si possa gestire bene economicamente. O quantomeno ci si deve provare per rispetto nei confronti di noi che paghiamo le tasse e dei dipendenti di Alitalia che lavorano onestamente e con passione. So che è difficile ma provarci è un obbligo morale”. “Voglio raccontarvi una storia che apparentemente non ha nulla a che fare con Alitalia – continua la sindaca nel lungo post Fb -. A Roma, un passo alla volta, stiamo salvando Atac: si tratta dell’azienda di trasporti pubblici cittadini. Atac è stata spesso al centro di giuste polemiche per la sua cattiva gestione, gli scandali sulle assunzioni truccate, gli sprechi ed un servizio inadeguato. Quando l’abbiamo presa in gestione abbiamo trovato un’azienda sull’orlo del fallimento con 12mila dipendenti; la flotta di bus più vecchia d’Europa; la manutenzione non effettuata da decenni su metro, scale mobili, ascensori; ed 1,3 miliardi di euro di debiti. La cosa più semplice sarebbe stata liquidarla, affidare il servizio ai privati e mandata in strada 12mila famiglie. Abbiamo deciso di provare a salvarla”. “Abbiamo pensato che privatizzarla sarebbe significato creare servizi di serie A in centro e servizi di serie B in periferia. Quindi abbiamo deciso di andare avanti, con coraggio – continua a raccontare la sindaca di Roma -. Ci hanno detto che il nostro tentativo di concordato in tribunale con i creditori per evitare il fallimento era fatto male e che non saremmo riusciti a salvarla. Ed invece i giudici fallimentari hanno approvato il nostro piano di risanamento aziendale. E’ stato un primo passo”. Raggi continua a raccontare le difficoltà incontrate, le inefficienze e le accuse affrontate e poi conclude: “Vi ho raccontato questa storia perché vorrei che fosse un incoraggiamento nei confronti dei dipendenti di Alitalia e dei cittadini, un messaggio di speranza e fiducia. Non dobbiamo disperare. Il Governo saprà raccogliere questo nostro appello. Dobbiamo impegnarci tutti. Dobbiamo essere comunità ed aiutarci tra noi”.

Related posts

Tassisti contro l’assessore alla Mobilità di Roma Capitale. Spintonato nei pressi del Campidoglio

Redazione Ore 12

Furto aggravato, vittime due turisti, i Carabinieri arrestano due persone a Roma

Redazione Ore 12

Partito il cantiere per la riqualificazione di via Nazionale. Prosegue il Piano Sanpietrini

Redazione Ore 12