Covid

Arcuri: “Se avessimo i vaccini potremmo vaccinare 45milioni di italiani entro l’autunno””

Domenico Arcuri,a Live #noneladurso, attacca le aziende produttrici di vaccini: “Stanno trattando 27 Paesi europei come dei poveracci.Togliamoci dalla testa che l’Italia sia più penalizzata di altri. Queste aziende non producono bibite e merendine – ha proseguito Arcuri riferendosi alle case farmaceutiche che hanno annunciato i ritardi – Si sono impegnate a dare una certa quantità di vaccini che sono molto più importanti delle bibite e merendine. Se avessimo i vaccini che sono stati annunciati dalla aziende farmaceutiche – rincara – entro l’autunno potremmo vaccinare fino a 45 milioni di italiani, ma non credo a queste aziende. Io voglio vedere i vaccini. Ci possono essere delle asimmetrie, secondo cui le poche cose che si producono non per forza vadano nei luoghi dove devono andare” ha detto ancora il Commissario straordinario per l’Emergenza, alla domanda su dove finissero i vaccini non recapitati all’Europa.”Ovviamente questo non lo so”, ha aggiunto Arcuri, che in merito all’ipotesi che i vaccini non recapitati siano invece finiti in altri Paesi più ricchi, ha risposto: “Spero che questo non sia vero, so che all’Europa sono stati dati meno vaccini di quanto doveva riceverne e che con la vita delle persone non si gioca”.

Le riduzioni di dosi comunicate da Pfizer e da AstraZeneca “faranno slittare di circa quattro settimane i tempi previsti per la vaccinazione degli over 80 e di circa 6-8 settimane per il resto della popolazionePoi il Viceministro Sleri a Domenica in: “Da domani (lunedì ndr) le dosi a disposizione saranno utilizzate anzitutto per effettuare il richiamo nei tempi previsti a coloro che hanno già ricevuto la prima somministrazione, cioè soprattutto per gli operatori sanitari. Tra due settimane, se tutto va bene – ha aggiunto Sileri – avremo un mercato con i tre vaccini: il che significa riprendere con maggior forza, completare la vaccinazione per i medici e gli infermieri e cominciare con gli over 80″. “Questo tipo di rallentamento – ha poi conlcuso – coinvolge tutta l’Europa e buona parte del mondo, ma confido che il ritardo possa essere colmato più avanti”. “Per ovviare ai problemi sulla linea produttiva servirebbe un accordo quadro a livello europeo – ha aggiunto Sileri – che consentisse di operare per conto terzi, realizzando una sinergia tra le compagnie oggi operative e altre realtà attualmente non impegnate nella produzione dei vaccini. Questo potrebbe aumentare in maniera incisiva la velocità di produzione”. 

Related posts

Più probabile morire oltre 20mila volte di più di contagio che con la vaccinazione anti Covid

Redazione Ore 12

Covid, famiglie stremate. Parla lo psicologo: “Per le vacanze scegliere mete facili”

Redazione Ore 12

Covid, la Cina all’Oms: “L’origine è animale, ma non sappiamo quale”

Redazione Ore 12