Covid

Boom di casi di Covid a Shanghai e gli americani svuotano l’ambasciata. In Cina torna l’allarme

Il dipartimento di Stato americano ha ordinato allo staff non essenziale del proprio consolato a Shanghai di lasciare il Paese, mentre la città è sottoposta a un rigidissimo lockdown a causa dell’aumento dei contagi da covid. L’ordine si applica a “tutti i membri delle famiglie” dello staff “a causa di un’impennata dei contagi e dell’impatto delle restrizioni” imposte dalla Cina, si legge in una nota del dipartimento, che nei giorni scorsi aveva anche diffuso un avviso di viaggio invitando i propri connazionali a riconsiderare i viaggi in Cina. In Cina si sta registrando la più rilevante esplosione di casi dall’inizio della pandemia oltre due anni fa: colpite in particolare Shanghai e Shenyang e Changchun, nel nordest del Paese, sottoposte a rigidissime restrizioni, che prevedono tra l’altro che chi è contagiato debba andare in ospedale o in una struttura per la quarantena.

Related posts

Pronto Soccorso vicini al collasso. Impossibile in alcune Regioni ricoverare pazienti per patologie non Covid

Redazione Ore 12

Pandemia da Covid, in calo i ricoveri in terapia intensiva, crescono quelli nei reparti ordinari

Redazione Ore 12

Addio ai tamponi di fine quarantena, l’idea del governo Meloni

Redazione Ore 12