Roma Capitale

Captazioni dal Lago di Bracciano, Comune di Trevignano è parte civile al processo

Nel processo per la captazione dell’acqua del lago di Bracciano quale parte civile, insieme alle associazioni ambientaliste e al comune di Trevignano, il giudice del tribunale di Civitavecchia ha ammesso l’Ente di gestione del Parco Naturale Regionale Bracciano-Martignano. Il reato contestato ai vertici dell’ex Consiglio d’Amministrazione di Acea Ato2 è la captazione in esubero colposo dell’acqua del lago, causa di un’alterazione dell’ecosistema dell’area naturale protetta, sottoposta invero a vincoli e tutele per i siti Natura 2000. I fatti risalgono al 2017 – si spiega – quando si arrivò a sfiorare la quota di due metri sotto lo zero idrometrico. “L’ente di gestione regionale conferma anche nelle aule di tribunale la sua funzione pubblica a tutela dell’ecosistema”, ripetono Vittorio Lorenzetti e Daniele Badaloni, rispettivamente presidente e direttore del Parco Naturale Regionale Bracciano-Martignano.
“E’ fondamentale ribadire come la gestione della risorsa idrica debba sempre essere sostenibile e che il lago potrà tornare ad essere riserva strategica solo quando le condizioni dell’ecosistema lo consentiranno,” motivo per cui che l’Ente Parco si è opposto a qualsiasi ipotesi di ripresa dei prelievi delle acque, ancora ben al di sotto del livello naturale tanto che, oltre a permanere le alterazioni dell’ecosistema per il quale proseguiranno le attività di monitoraggio, la soglia si attesta oggi a -126 cm* rispetto allo zero idrometrico. Secondo gli esperti, poi, raggiungere il livello soglia ottimale è un processo lento e graduale, fortemente correlato alle precipitazioni piovose. “L’Ente Parco ribadisce come sia fondamentale che il livello del lago torni ad essere in linea con quello delle relative medie stagionali e che non si debba limitare l’analisi ad un singolo momento o contesto specifico. Il Lago di Bracciano e l’ecosistema di cui fa parte sono un preziosissimo tesoro da conservare: rilanciamo con rinnovata forza la proposta di una gestione quanto mai trasparente e condivisa, così come delineato nel progetto Contratto di Lago”. Sul sito istituzionale dell’Ente Parco è infine disponibile un servizio di monitoraggio del bacino del lago, profondità massima 165 metri su 57 chilometri quadrati di estensione: partendo dal 1921, c’è la possibilità di analizzare le serie storiche del livello delle acque e, in tempo reale, si può poi riscontrare il volume degli impianti di captazione e prelievi registrati dal 29 luglio 2017, quando il prosciugamento dell’acqua segnò il record negativo a -195,3 cm.

Related posts

Covid-19, all’Aeroporto di Fiumicino punto vaccinale già attivo

Redazione Ore 12

Dalla Regione Lazio una pioggia di euro (70 milioni) per la Ricerca. Il Piano di Zingaretti

Redazione Ore 12

Tivoli, incontra la sua ex in strada e la sequestra. Arrestato dai Carabinieri

Redazione Ore 12