Roma Capitale

Confiscati beni per 13 milioni di euro agli ex boss della Banda della Magliana. Provvedimento eseguito dai Carabinieri

Confiscati beni per 13 milioni di euro a Salvatore Nicitra, ritenuto uno degli ex boss della banda della Magliana, e a due presunti sodali.  I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma, hanno dato esecuzione al decreto di confisca di beni, emesso a seguito di richiesta della Procura della Repubblica di Roma, dalla Sezione Specializzata Misure di Prevenzione del Tribunale Civile e Penale di Roma nei confronti di NICITRA Salvatore, ZARBO Rosario, INGUANTA Francesco e Rosario (padre e figlio) sulla base del riconoscimento della pericolosità sociale dei soggetti e della riconducibilità del patrimonio alla conduzione di gravi illeciti. E’ stata infatti applicata la misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno per anni tre nel Comune di residenza. L’odierno provvedimento trae origine dagli elementi emersi nel corso di una complessa indagine, convenzionalmente denominata “Jackpot”, condotta dal Nucleo Investigativo di Roma successivamente all’omicidio di BOCCHINO Antonio compiuto da ignoti in data 13.03.2013 a causa di contrasti emersi nel settore della distribuzione e installazione di apparecchiature per il gioco d’azzardo e conclusasi nel febbraio 2020 con l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare a carico di 39 soggetti. Tali indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma DDA, avevano infatti permesso di acquisire importanti elementi di prova che avevano consentito di:

–           disarticolare un sodalizio criminale attivo nei quartieri romani di Primavalle, Casalotti, Montespaccato, Monte Mario, Cassia ed Aurelio e di individuare gli assetti verticistici del suddetto gruppo criminale, organizzato e diretto da NICITRA Salvatore, elemento di spicco della malavita romana ed ex appartenente alla c.d. “Banda della Magliana”;

–           ricostruire il sistema di illecita gestione:

·                    dei giochi d’azzardo, utilizzando raggiri informatici che consentivano di eludere le verifiche da parte dell’amministrazione autonoma monopoli di stato;

·                    della distribuzione delle apparecchiature per il gioco d’azzardo, imposta con carattere di esclusività alle attività commerciali di Roma e Provincia;

–           riscontrare la commissione di attività di riciclaggio per l’occultamento e il reimpiego dei capitali di illecita provenienza, anche attraverso l’intestazione fittizia di beni, così da prevenire l’applicazione di misure ablative.

Tra i beni oggetto di confisca figurano 10 società, 1 quota societaria, 11 rapporti finanziari, 11 autoveicoli, 2 nude proprietà e 33 immobili, per un valore complessivo stimato in 13 milioni di euro. Tra gli immobili in confisca figurano 1 villa sita in via della Giustiniana di 509 mcon valore stimato di € 1.700.000,00 circa; 1 villa sita in via Vittorio Ascoli di 264 mcon valore stimato di € 700.000,00 circa; 1 abitazione sita in via Rocco Santoliquido di 359 mcon valore stimato di € 1.000.000,00 circa; 1 locale per attività commerciale ubicato in Roma largo Corrado Ricci, sede dell’esercizio commerciale con insegna “MARACUJA”; nonché 1 locale per attività commerciale ubicato in Roma via del Banco di Santo Spirito, sede dell’esercizio commerciale con insegna “LA FRASCHETTA”.

Related posts

“Viaggi nell’antica Roma”, dal 10 giugno ai Fori di Augusto e Cesare

Redazione Ore 12

Domenica la Maratona di Roma, prime chiusure al traffico già da domani

Redazione Ore 12

Roma-Lido: Picca (Lega), “Bene Michetti su rafforzamento linea per rilancio mare di Ostia”

Redazione Ore 12