Covid

Costa (Salute): “Con la zona arancione ristoranti, cinema e teatri solo per i vaccinati”

“E’ giusto fare una riflessione, nel caso ci fosse un passaggio in arancione, invece che arrivare a chiudere delle attività, dare la possibilità a chi si è vaccinato di avere qualche spazio di libertà in più rispetto a chi volontariamente ha deciso di non vaccinarsi. Non parlerei di lockdown per i no vax, ma se ci dovesse essere un peggioramento, come il passaggio in arancione di alcune Regioni, le chiusure e le restrizioni non devono essere pagate dai vaccinati: garantire ai non vaccinati l’accesso al lavoro e ai bisogni primari, ma certe attività come andare ristorante, cinema o teatro, con un peggioramento queste attività andrebbero riservate ai vaccinati”. Così il sottosegretario alla Salute Andrea Costa a Tg2 Italia su Rai 2. “Da questa settimana inizierà un percorso con le Regioni, dal governo c’è sempre stata la massima disponibilità per il dialogo. La riflessione che dobbiamo fare – ha proseguito – è quella per cui se ci dovesse essere un passaggio di una Regione in colore arancione, essendo previste restrizioni e chiusure, non ci possiamo più permettere di chiudere quelle attività che tanto hanno sofferto, soprattutto se oltre 45 milioni di cittadini si sono vaccinati”.

aggiornamento pandemia Covi del 22 novembre 2021 ore 14.57

Related posts

Sars Cov 2, riconosciuta nei territori dell’Unione Europea malattia professionale

Redazione Ore 12

Mix di monoclonali Astra-Zeneca efficace contro l’infezione da Omicron 2

Redazione Ore 12

Redazione Ore 12