Politica

La Riforma del Pubblico Impiego è la milestone per il Pnrr

È la riforma del pubblico impiego, e in particolare l’entrata in vigore delle norme abilitanti, la milestone che il Piano nazionale di ripresa e resilienza assegna alla Pubblica amministrazione entro il primo semestre 2022. Il ministro Renato Brunetta la ha illustrata ieri in Consiglio dei ministri, nell’ambito del confronto sullo stato di avanzamento del Pnrr. La milestone M1C1-56 è stata, in realtà, già ampiamente attuata durante lo scorso anno, con il decreto legge n. 80/2021 sulla riforma del lavoro pubblico e con l’art. 10 del decreto legge n. 44/2021 che ha sbloccato, velocizzato e digitalizzato i concorsi. I due decreti hanno rappresentato gli interventi legislativi abilitanti rispetto alle attività organizzative e di implementazione su cui il Dipartimento della Funzione Pubblica sta attualmente lavorando e che saranno completate entro il primo semestre 2022. Tali attività consentiranno di anticipare alcuni interventi relativi alla milestone M1C1-58 con scadenza 30 giugno 2023, sempre relativa alla riforma del pubblico impiego. Nel merito, gli interventi principali su cui si concentra l’attività e che saranno completati entro giugno 2022 riguardano:

  • la modifica del Dpr 487/1994 sui concorsi;
  • l’estensione delle funzionalità del portale del reclutamento InPA;
  • il rinnovo dei Ccnl (a opera di Aran) per il comparto funzioni centrali (firmato il 5 gennaio 2022) e per i comparti sanità ed enti locali;
  • l’adozione di linee guida e indirizzi da parte di Scuola Nazionale dell’Amministrazione (Sna) sull’accesso alla dirigenza e di direttive del ministro e circolari del Dipartimento con riguardo all’applicazione delle nuove norme;
  • l’attuazione delle norme sul Piao, Piano integrato di attività e organizzazione (approvazione Dpr e Dm).

Al momento non si ravvisano elementi di criticità o di ritardo rispetto alle attività previste, questo grazie alla scelta operata di approvare le norme abilitanti fin da subito per lasciare un adeguato spazio di tempo per la loro implementazione. Il Dipartimento della Funzione pubblica ha già avviato tutte le attività volte all’attuazione di quanto previsto dalla milestone M1C1-57 in materia di semplificazione, che andrà completata entro il 31 dicembre 2022.

Related posts

Governo, Lezzi (M5S): “Non voteremo la fiducia a Draghi”

Redazione Ore 12

Manovra, il taglio del cuneo fiscale e la busta paga dei lavoratori

Redazione Ore 12

Di Maio: “A Grillo voglio bene ma dice cose peggiori di Conte”

Redazione Ore 12