Regioni

Le aree dismesse emiliano-romagnole diventeranno zone verdi perenni

Sono 37 i Comuni della pianura emiliano-romagnola pronti a trasformare in zone verdi (perenni) loro aree dismesse con l’obiettivo migliorare la qualità dell’aria. Tante sono infatti le candidature al bando sulla forestazione urbana lanciato da viale Aldo Moro, con un budget da 1,6 milioni di euro a disposizione. Le richieste dei Comuni sono però superiori: è infatti di 1,8 milioni di euro il budget richiesto, ma c’è ancora, spiega oggi al question time l’assessore all’Ambiente Irene Priolo, da valutare nel dettaglio i diversi progetti per valutare che abbiano tutti i requisiti. È un “buon punto di partenza ma possiamo migliorarci”, dice Priolo, che si propone di “uscire già in autunno col nuovo bando biennale, facendo tesoro di questa prima esperienza”. In questo primo bando, sottolinea l’assessore, “la difficoltà maggiore è reperimento delle aree, vedremo se si possono fare iniziative di partenariato pubblico-privato”. Per quanto riguarda invece i nuovi vivai che hanno risposto alla chiamata della Regione per regalare piante (obiettivo 4,5 milioni di alberi nel mandato) ai cittadini, sono 22 in tutto quelli che si sono messi a disposizione: ai 18 iniziali se ne sono aggiunti quattro. A sollecitare la giunta è stata la 5 stelle Silvia Piccinini. Quel bando, sottolinea, è “una delle misure più significative e concrete del piano regionale della qualità dell’aria, in piena sintonia con i processi di transizione ecologica e di sviluppo sostenibile che devono animare le azioni della Regione Emilia-Romagna”.

Related posts

Parco nazionale dell’Appennino: ventesimo anniversario sua fondazione, venerdì web meeting

Redazione Ore 12

Un ex Generale Comandante della Gdf alla guida dell’Idi. La scelta della S.Sede su Capolupo

Redazione Ore 12

L’Emilia Romagna sperimenta un modello smart che analizza la rete del gas. Assicurato un -20% di dispersioni

Redazione Ore 12