Esteri

Libano, cecchini sparano contro la folla che manifesta, almeno tre le vittime

È di almeno tre morti e diversi feriti il bilancio di scontri scoppiati a Beirut durante teste contro il giudice che si occupa delle indagini sull’esplosione dello scorso 4 agosto 2020 al porto della città, Tarek Bitar. Agli scontri erano presenti anche cecchini e sono stati usati kalashnikov, pistole e granate. La manifestazione, davanti al Palazzo di giustizia, è stata indetta da Hezbollah e dai suoi alleati, che chiedono la rimozione del giudice. Non è chiaro cosa abbia scatenato la sparatoria. Un giornalista di Associated Press ha visto un uomo aprire il fuoco con una pistola durante la protesta e uomini armati sparare in direzione dei dimostranti dal balcone di un edificio.

Related posts

Assalto al Congresso Usa, Melania Trump si rifiutò di fare un appello alla calma

Redazione Ore 12

Jihad islamica: “Colpiremo Israele, ci vendicheremo per uccisione di tre palestinesi”

Redazione Ore 12

+++ Restrizioni Mar Nero, Russia risponde agli Usa: “E’ pratica normale” +++

Redazione Ore 12