Roma Capitale

Nepi 2021, Festival Internazionale della Danza e delle Danze, la dedica di Alma Manera alla grande Carla Fracci

La quinta edizione del Festival Internazionale della Danza e delle Danze ha voluto omaggiare durante le serate del Festival la regina della danza Internazionale Carla Fracci in quanto già madrina delle precedenti edizioni e sostenitrice del Festival.
Un Tributo, quindi, all’immensa Carla Fracci firmato dal maestro Beppe Menegatti, regista e autore di grande livello, compagno di vita di Carla, con una toccante, simbolica e spirituale creazione dal Titolo: “Dedicato a te Carla – Luce dalla ribalta” con interprete Alma Manera, che più volte ha condiviso con Carla Fracci le scene, diretta da Beppe Menegatti.
Numerosi gli ospiti che si sono alternati durante le tre serate di Nepi: Beppe Menegatti, Miguel Ángel Zotto, Alma Manera, Daiana Guspero, il Teatro dell’Opera di Magdeburgo, la Squadra di ginnastica ritmica dell’Aeronautica Militare, Giusy Versace, Anastasia Kuzmina, Roberta Beccarini, Giorgia Greco, e tanti altri.
Dopo il Tributo a Carla Fracci le danze hanno preso il volo per dare inizio alla quinta edizione del Festival Internazionale della Danza e delle Danze, fondato da Paolo Tortelli e Maria Pia Liotta, organizzato da Alta Classe Accademia dello Spettacolo, sotto la direzione artistica di Maria Pia Liotta e con il patrocinio del Comune di Nepi e dell’AFI (Associazione Fonografici Italiana): Giorni di grandi esibizioni con ospiti prestigiosi e rappresentanti autorevoli del settore tersicoreo. La serata di venerdì 2 luglio ha visto la partecipazione della Banda musicale dell’Arma dei Carabinieri, diretta dal maestro Massimiliano Ciafrei, con la partecipazione del Soprano Alma Manera.
Un concerto in onore di Carla Fracci, che fin dalla nascita del festival ne è stata la sua madrina. Al concerto ha partecipato il maestro Beppe Menegatti. E durante la serata è stata istituzionalizzata una nuova sezione del Premio “Schiaccianoci d’Oro” intitolata “Carla Fracci per i giovani”, consegnato al al al primo classificato del Concorso di Danza Multidisciplinare, il premio è andato al gruppo Classic Junior Scuola Accademia, coreografia Masquerade consegnato dal maestro Beppe Menegatti.
La serata del Festival ha avuto la presenza della Compagnia Nazionale di Danza Storica, diretta dal Maestro Nino Graziano Luca. A completare la serata il Neo Classic Ballet diretto da Sabrina Bosco e la cerimonia di Consegna del premio “Schiaccianoci d’oro” sezione “Visioni in Movimento”, alla presenza di una giuria prestigiosa e del Presidente di Giuria il produttore Sergio Giussani. Una novità del festival, ideato da Alma Manera con la collaborazione organizzativa di Francesco Roberto Innocenzi.
Il premio è andato a Marco Camattari e una menzione speciale al giovane Marco Lattucchelli. Anche quest’anno, come nelle precedenti edizioni, il Festival, è stato una grande maratona di danza, musica e cultura con un programma vasto, innovativo, di grande apertura di spirito e di sicura qualità artistica. Il direttore del Festival, Maria Pia Liotta, come sempre guarda al futuro, proponendo anche quest’anno sulla scena italiana uno spettacolo che, basato sulla solida struttura del balletto tradizionale, si apre verso nuovi stili e cresce verso le varie discipline della danza, dal classico al contemporaneo, dal tango ai balli caraibici e latino americani.
Un progetto unico nel suo genere, quindi un incontro internazionale di danza e danzatori nelle varie tecniche e discipline, con l’obiettivo di coinvolgere tutti gli operatori del settore per uno scambio culturale.
A rappresentare le varie discipline nelle due serate, la massima espressione della danza, grandi stelle di chiara fama, ognuna protagonista indiscussa nel proprio genere: la Squadra di Ginnastica Ritmica dell’Aeronautica Militare, il Neoclassic Ballet di Sabrina Bosco, i primi ballerini del Teatro dell’Opera di Magdeburgo, Miguel Angel Zotto, eccellenza mondiale del tango con la partner Daiana Guspero, Anastasia Kuzmina e Luca Favilla, Sonny Olumati e Company in “Urban Street Dance”, Roberta Beccarini e Cesar Coelho. Ospite anche la piccola ginnasta Giorgia Greco.
Al pianoforte Kozeta Prifti e in una performance al violino Sergio Mattioli. A condurre le serate Beppe Convertini e Maria Elena Fabi. Durante l’ultima serata del Festival è stato consegnato il premio “Schiaccianoci d’Oro”, istituzionalizzato nella prima edizione del Festival.
A grandi artisti, a esponenti autorevoli del settore, un riconoscimento per la loro fedele dedizione ad un’arte, quale la danza, e che hanno fatto della danza la loro espressione di vita. Il premio è stato creato dall’artista Enrico Manera. Quest’anno i premiati sono: Miguel Angel Zotto, il Teatro dell’Opera di Magdeburgo con la presenza di Gonzalo Galguera, Direttore del Balletto di Magdeburgo, Premio Schiaccianoci d’oro”La moda che danza-Teatro è Moda a Gianni Versace, la Squadra di Ginnastica ritmica dell’Aeronautica Militare, Sonny Olumati, Giorgia Greco, Antonio Desiderio.

Related posts

Stop al canone sul suolo pubblico fino a tutto giugno

Redazione Ore 12

I nidi di Roma riapriranno il 13 settembre. Precisazione del Comune

Redazione Ore 12

Raggi: “Per il rilancio della Capitale servono nuovi poli di arti ed artigianato”

Redazione Ore 12