Roma Capitale

Non solo Roma andrà al voto, urne aperte in 106 Comuni del Lazio

Nel Lazio non solo i romani saranno chiamati alle urne il 3 e 4 ottobre. Si voterà in 106 comuni, fra questi 12 città, compresa Roma e Latina, hanno una popolazione legale superiore alla soglia dei 15 mila abitanti con il sistema elettorale maggioritario a doppio turno, dunque il ballottaggio è previsto il 17 e 18 ottobre. Saranno le elezioni nel segno delle misure di prevenzione del rischio contagio. Ai seggi verrà adottato un protocollo condiviso dal Viminale e dal Ministero della Salute, dunque obbligatorio l’uso di gel, delle mascherine, attenzione all’aerazione e anche alle matite che dovranno essere sanificate. E ancora percorsi dedicati e distinti di ingresso e di uscita e tutte le misure necessarie ad evitare assembramenti nei seggi. Dunque domenica anche i laziali, oltre ai romani, andranno alle urne per eleggere un nuovo sindaco.
Riflettori puntati sul capoluogo pontino con il sindaco uscente del centrosinistra, Damiano Coletta, che chiude oggi la campagna elettorale per tentare di conquistare il secondo mandato con l’assessore regionale alla sanità Alessio D’Amato (Pd). Lo sfidante del centrodestra è Vincenzo Zaccheo e ieri ha accolto a Latina il leader della Lega, Matteo Salvini. Tra le altre città che potrebbero andare al ballottaggio Bracciano, Frascati, Marino e Mentana in provincia di Roma, e poi Formia, Cisterna di Latina, Minturno e Sezze nel pontino, Alatri e Sora nel frusinate. Tessera elettorale in mano e mascherina nel Lazio si torna alle urne e dalla mezzanotte di oggi cala il silenzio elettorale.

Related posts

Fugge alla vista dei Carabinieri, bloccato e sanzionato per violazione delle norme anti-covi. Guidava anche senza patente

Redazione Ore 12

Spunta una over plan per il trasporto fluviale sul Tevere

Redazione Ore 12

Expo 2030, Pecoraro: “L’Italia può vincere”

Redazione Ore 12