Covid

  Shanghai, primi morti per la nuova ondata pandemica

 

La metropoli di Shanghai in lockdown ha denunciato le prime vittime per l’attuale ondata di Covid-19, in un momento in cui i mugugni per la linea dura “Zero Covid” si stanno diffondendo. Tre cittadini non vaccinati, tutti anziani tra 89 e 91 con precedenti patologie, sono morti. Dal primo marzo sono almeno 372mila le persone di cui è stata rilevata la positività al Covid nei diversi cicli di tamponi che sono stati effettuati nella metropoli. I numeri dei nuovi contagi sono finalmente in calo, con 22.248 nuovi casi. Sono in flessione decisa anche i nuovi casi sintomatici, che oggi sono stati quantificati in 2.417. In tutto, i casi che sono classificati come gravi sono 16, compresi i tre deceduti. Si tratta sempre di persone anziane con patologie croniche pregresse.
I tre decessi comunicati portano a 10 il numero di morti totali riconosciuti a Shanghai come morti per Covid. La vicepremier Sun Chunlan, inviata da Pechino per gestire lo sforzo anti-Covid, ha di fatto commissariato l’autorità locale e ha ordinato la costruzione di più punti di quarantena Covid e a rafforzare i cicli diagnostici con tamponi sulla popolazione.

Related posts

Covid, Nature: “Nuove varianti ogni sei mesi, difficile prevedere l’andamento futuro”

Redazione Ore 12

Monitoraggio indipendente Gimbe, in lieve aumento le somministrazioni di quarte dosi

Redazione Ore 12

Appello dell’Iss agli italiani: “Evitare tutte le occasioni di contatto”

Redazione Ore 12