Imprese e Sindacato

Tra Eni e Basf, alleanza industriale per produrre biometanolo

Eni e BASF, una delle maggiori aziende chimiche al mondo, hanno firmato un accordo strategico per un’iniziativa congiunta di ricerca e sviluppo con lo scopo di ridurre l’impatto ambientale del settore trasporti.
Per fare ciò c’è bisogno di sviluppare una nuova tecnologia per produrre bio-propanolo avanzato dalla glicerina che deriva dalla produzione del biodiesel FAME (Fatty Acid Methil Esters, esteri metilici di acidi grassi). Ciò permetterebbe la creazione di bio-propanolo a elevato rendimento e purezza, minimizzando la produzione di sottoprodotti, oltre a essere un componente di grande valore nella formulazione di benzine premium, con la possibilità di ridurre le emissioni di gas serra tra il 65% e il 75% rispetto ai carburanti fossili.
“La tecnologia che permette la trasformazione di glicerina in bio-propanolo è parte del grande impegno della Ricerca e Sviluppo di Eni per la decarbonizzazione. Questa collaborazione, che ci consente di velocizzare l’innovazione e ridurre sensibilmente il time to market, è in linea con la strategia Eni per lo sviluppo di filiere dei biocombustibili di ‘generazione avanzata’, ovvero biocombustibili prodotti a partire da feedstock che non entrano in competizione con le filiere della produzione alimentare”, sono le parole di Luisa Lavagnini, Responsabile Research and Technological Innovation di Eni.

Related posts

CASAGIT SALUTE, Maurizio Pizzuto: “Per una visita specialistica serve oltre un mese di attesa, inaudito, troppo tempo!”

Redazione Ore 12

Ecco la nuova frontiera dell’e-commerce, al via Sharin app

Redazione Ore 12

Turismo, 20 mln di italiani bloccati dall’incertezza per le vaccinazioni

Redazione Ore 12