Cronaca

Val di Susa, Consap vertice con Capo e Ministro, un intervento necessario

(Red) Il ministro dell’Interno Lamorgese e il capo della polizia Giannini saranno a Torino per un vertice in prefettura riguardo la problematica degli scontri con i no tav, l’avevamo chiesto anche noi della Consap come un necessario segnale di vicinanza ai poliziotti che da anni sopportano e subiscono continue aggressioni violente, vittime sacrificali di scelte politiche e governative a volte contraddittorie (di vari governi e di ogni colore politico) che nel corso degli anni hanno prodotto vicissitudini di natura violenta con continui attacchi e conseguenti vicende giudiziarie. Ma la Consap tiene a precisare che non intende entrare nelle ragioni di chi manifesta a favore o contro. Sappiamo che nel corso degli anni sono stati creati vari osservatori, INCARICATI esperti E consulenti, INTAVOLATI dibattiti che hanno sviscerato ragioni e contrapposizioni. Noi, in quanto sindacato dei poliziotti, invece riteniamo che mai come adesso sussista un rischio per la sicurezza e l’incolumità dei lavoratori delle forze di polizia perché oggettivamente il livello si è alzato, con un ripetuto ricorso alla violenza, ma soprattutto perché riteniamo che LA NOSTRA potenza OPERATIVA sia FORTEMENTE CONDIZIONATA dal contesto territoriale impervio nel quale si è spostato il confronto, che di per se espone a gravi difficoltà nel garantire un’ adeguata protezione da aggressioni e attacchi che possono venire da ogni parte della boscaglia e in ogni condizione di tempo.
Difficoltà logistiche, L’INSUFFICIENZA E L’INADEGUATEZZA dei mezzi a disposizione ESPONGONO COSTANTEMENTE i poliziotti schierati a protezione dei cantieri a rischio severo di atti violenti e lesivi della propria incolumità fisica. Per la Consap è necessario che il libero esercizio del dissenso pacifico sia autorizzato adeguatamente lontano dai cantieri perché il dubbio è: ci troviamo di fronte ad uno sparuto ed isolato manipolo di ribelli (per quanto ben organizzati e aggressivi…) che approfittano delle pacifiche manifestazioni per attaccare i presidi di polizia oppure siamo al cospetto di un ostracismo diffuso e sentito a livello popolare ed in quest’ultimo caso il problema diventa esclusivamente politico.
Questo sia chiaro per tutti quelli che ancora oggi considerano l’attività di ordine pubblico della polizia liberticida e improntata alla violenza anziché tutori dei diritti dei cittadini tutti . Il rischio – conclude il segretario generale nazionale della Consap Cesario Bortone ,- è che se si continua su questa strada oggi sono sassi, chiodi, bombe carta, domani sarà fuoco, dopodomani si rischia il piombo e si sarà fatto il gioco di chi punta alla destabilizzazione. Per questo attendiamo da questo vertice, non solo una indicazione

Related posts

Transizione ecologica: opportunità per un modello di sviluppo sostenibile

Redazione Ore 12

Fabrizio Corona ricoverato all’ospedale psichiatrico di Niguarda

Redazione Ore 12

Caso Eitan, udienze concluse. Sentenza entro due settimane. Tornerà il bimbo in Italia?

Redazione Ore 12