La guerra di Putin

AIEA: attacchi al combustibile esaurito della centrale nucleare di Zaporizhzhya potrebbero avere l’effetto di una “bomba sporca”

di Giuliano Longo

Un razzo che colpisce il combustibile esaurito nella centrale nucleare di Zaporizhzhya potrebbe portare all’effetto di una “bomba sporca” (arma nucleare a basso rendimento), ha affermato Mikhail Chudakov, vice capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA). Il carburante è immagazzinato in contenitori (guscio sigillato), che sono protetti da un muro di cemento di tre metri, ma tale  muro non resiste a un attacco di artiglieria, ha spiegato Chudakov. “Se nel sito c’è del combustibile esaurito, che è immagazzinato a secco in contenitori di cemento, è sufficiente che arrivi un proiettile di artiglieria e si rivelerà una “bomba sporca”. Non c’è bisogno di cercare bombe vere e proprie”, ha detto a RIA Novosti a margine del forum Atomexpo di Sochi. La “bomba sporca” è una semplice variante di un’arma radiologica. Il danno principale causato da una bomba non è dovuto all’esplosione, ma alla diffusione di materiale radioattivo. Gli esperti considerano uno dei tipi di “bomba sporca” per far esplodere oggetti non nucleari utilizzando materiali radioattivi. ATOMEXPO International Forum è l’evento principale dell’industria nucleare globale. È la più grande piattaforma espositiva e commerciale per discutere lo stato attuale dell’industria nucleare e definire le tendenze future, si tiene ogni anno dal 2009. Al Forum partecipano dirigenti delle principali aziende che lavorano nell’industria nucleare globale, agenzie governative, organizzazioni internazionali e non commerciali e massimi esperti. Per Chudakov un incidente simile era già accaduto in una centrale nucleare in Iran, ma lì non c’era carburante. “Una volta ho visto un buco di due metri di diametro nella centrale nucleare di Bushehr, a quel punto non c’era più carburante lì. Poi lo hanno colpito con un razzo, che ha perforato facilmente e si è sciolto attraverso il muro di contenimento”, ha detto. La Russia a ottobre ha accusato l’ Ucraina di aver creato una “bomba sporca”, Kiev ha negato queste accuse. All’inizio di novembre, gli esperti dell’AIEA hanno ispezionato tre impianti nucleari in Ucraina, senza trovare segni di attività nucleare non dichiarata. L’organizzazione ha detto di non aver visto tracce della preparazione di una “bomba sporca”. Quindi i timori riguardano proprio quella centrale nucleare in mano ai russi che secondo denunce AIEA è stata già colpita in strutture non fondamentali certamente non dai russi che la controllano. Ma Zaporizhzhya rimane un punto nevralgico del conflitto in atto che già di per se, una volta colpita anche non volutamente la centrale, rappresenterebbe un pericolo di per gran parte dell’Europa Centro-orientale. Rimane comunque il quesito: il malaugurato evento a chi gioverebbe (senza contare le conseguenze globali e militari)?

aggiornamento la Guerra di Putin ore 16.47

Related posts

Il Papa: “In Ucraina guerra efferata”. La consacrazione di Russia e Ucraina al cure immacolato di Maria

Redazione Ore 12

Kiev di nuovo sotto le bombe e gli attacchi dei droni. Colpite infrastrutture e edifici residenziali

Redazione Ore 12

Crimini di guerra, si cercano le prove. Si indaga su almeno 5000 casi sospetti

Redazione Ore 12