Primo piano

Aiuti illegali ai detenuti del carcere di Trani, due arresti tra le fila della Polizia Penitenziaria e 26 indagati

Accompagnava la moglie di un detenuto, con la sua auto privata, in carcere per i colloqui (quando in realtà erano vietati durante il lockdown). E ancora rivelava notizie segrete e con la complicità di un collega, concedeva le chiamate whatsapp di gruppo dei detenuti con l’esterno. In cambio, i due poliziotti corrotti, ottenevano cassette di pesce, carne e formaggi, un iphone e qualche centinaia di euro in contanti. Per questo due agenti penitenziari in servizio nel carcere di Trani sono stati arrestati per aver “riservato un trattamento di favore” ad alcuni detenuti. In manette è finito uh vicesovrintendente, consuocero del capo clan mafioso di Bari, Giuseppe Misceo, mentre è finito ai domiciliari un ispettore. Nell’inchiesta, che conta complessivamente 29 indagati, sono coinvolti altri 5 poliziotti penitenziari e sei detenuti, tra i quali Christian Lovreglio, 30enne barese, nipote del boss di Japigia Savinuccio Parisi. L’attività di verifica sull’operato dei poliziotti è nata nel marzo 2020, in seguito ad alcuni esposti presentati da altri agenti alla magistratura e ai vertici del Corpo di polizia penitenziaria. Sono state quindi disposte intercettazioni telefoniche e ambientali, servizi di pedinamento e osservazione, ed è stato scoperto che nell’istituto esisteva un vero e proprio sistema corruttivo, del quale avrebbero fatto parte 29 persone, accusate a vario titolo, di depistaggio, peculato, corruzione, concussione e abuso d’ufficio. La Procura, guidata da Renato Nitti, ha chiesto e ottenuto dal gip di Trani l’emissione di due ordinanze di custodia cautelare. So o state effettuate anche perquisizioni personali e locali presso 15 abitazioni dislocate nelle province di Bari, Bat, Taranto e Roma.  Ad agosto il carcere di Trani conquistò la ribalta delle cronache a causa dell’evasione di due detenuti baresi – Antonio De Noja e Daniele Arciuli – che hanno scavalcato il muro della struttura in pieno giorno. Il primo si è consegnato spontaneamente dopo pochi giorni, il secondo è stato arrestato dalla polizia ad ottobre.

Related posts

Tre miliardi di persone non hanno accesso all’acqua per l’igienizzazione delle sole mani

Redazione Ore 12

Operazione Speed e Speed Marathon della Polizia di Stato

Redazione Ore 12

Era in affari con Cosa Nostra, imprenditore trapanese colpito da decreto di confisca per beni pari a 15 milioni di euro

Redazione Ore 12