Covid

Allarme dei presidi: “In Italia 200 classi isolate per il coronavirus e 500 studenti già in Dad”

L’emergenza Coronavirus in Italia continua senza sosta. La variante delta dilaga su tutto il territorio e l’indice di contagiosità è sette volte superiore rispetto a quello del virus tradizionale. E’ già scattato l’allarme per il ritorno a scuola. Dopo appena una settimana dall’inizio delle lezioni c’è già un problema contagi e quarantene. Oltre 200 classi – si legge sulla Stampa – in varie regioni italiane, più di 5 mila studenti, dalla scuola materna alle superiori sono già in Dad. Senza contare due regioni, Puglia e Calabria, che aprono le scuole solo oggi. La prima settimana del nuovo anno scolastico ha già smentito il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che non più tardi di dieci giorni fa aveva assicurato: «La Dad è finita». E invece, pronti via, il numero delle classi finite in quarantena è lievitato. “Inevitabile – spiega il presidente dell’Associazione nazionale dei presidi, Antonello Giannelli alla Stampa – ed è ovvio che aumenteranno, visto che in Italia ci sono 400 mila classi con una media di 20 alunni ciascuna”. I dirigenti scolastici: “Manca un protocollo standard per tutti”. Di queste classi, secondo i dati del ministero dell’Istruzione, circa 12 mila sono sovraffollate. In Alto Adige, dove le lezioni sono iniziate il 6 settembre, le classi in quarantena sono 35, con una settantina di casi positivi. Solo tra le province di Milano e Lodi la didattica a distanza è già scattata per 37 classi e un migliaio di studenti. A Torino hanno dovuto abbandonare i banchi 380 bambini e ragazzi, suddivisi in 17 classi in isolamento. In Veneto sono decine le classi in isolamento, una trentina solo in provincia di Padova, 11 in quella di Treviso e altre sparse tra Vicenza, Verona e Venezia. “Inevitabile – spiega il presidente dell’Associazione nazionale dei presidi, Antonello Giannelli alla Stampa – ed è ovvio che aumenteranno, visto che in Italia ci sono 400 mila classi con una media di 20 alunni ciascuna”. I dirigenti scolastici: “Manca un protocollo standard per tutti”. Di queste classi, secondo i dati del ministero dell’Istruzione, circa 12 mila sono sovraffollate. In Alto Adige, dove le lezioni sono iniziate il 6 settembre, le classi in quarantena sono 35, con una settantina di casi positivi. Solo tra le province di Milano e Lodi la didattica a distanza è già scattata per 37 classi e un migliaio di studenti. A Torino hanno dovuto abbandonare i banchi 380 bambini e ragazzi, suddivisi in 17 classi in isolamento. In Veneto sono decine le classi in isolamento, una trentina solo in provincia di Padova, 11 in quella di Treviso e altre sparse tra Vicenza, Verona e Venezia.
aggiornamento pandemia Covi del 20 settembre ore 14.04

Related posts

Inchiesta indipendente: “L’epidemia di Covid si poteva evitare”

Redazione Ore 12

Chiuse da lunedì tutte le scuole superiori della Liguria

Redazione Ore 12

Zingaretti annuncia la sperimentazione nella Regione Lazio del vaccino russo Sputnik

Redazione Ore 12