Cronaca

Antiterrorismo, sette pachistani arrestati a Napoli per fabbricazione di documenti falsi

Sette persone di nazionalità pakistana, gravemente indiziate di possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi e ricettazione, sono state arrestate tra Napoli, in particolare i quartieri Borgo Sant’Antonio Abate e Sanità, e la provincia di Caltanissetta. Le fiamme gialle, analizzando i conti di pagamento intestati a soggetti extracomunitari provenienti da Pakistan, Afghanistan, India, Bangladesh, Cina e Kyrgyzstan, hanno verificato che erano state effettuate sui rispettivi conti correnti molteplici apporti di liquidità provenienti da ricariche di 345 carte di credito estere (di Usa e Canada) intestate a ignari correntisti.

Alle periodiche ricariche seguivano contestualmente bonifici verso altri rapporti finanziari accesi all’estero, intestati a soggetti terzi di origine araba destinati principalmente in Germania, Paesi Bassi e Belgio. Nel corso degli approfondimenti investigativi è emersa anche la produzione e utilizzazione di almeno trenta documenti d’identità falsi utilizzati per l’apertura di conti correnti in vari paesi europei, riportanti le foto dei soggetti pakistani e i dati anagrafici di soggetti diversi. Per queste ragioni i sette individui sono stati raggiunti da una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Napoli ed eseguita dal nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Napoli, su delega e con il coordinamento della sezione antiterrorismo della procura partenopea.

Related posts

Lampedusa sotto assedio, ancora ondate di sbarchi e hot spot alle corde

Redazione Ore 12

Palermo, 28 misure cautelari della Guardia di Finanza per una nuova ondata di ‘furbetti del cartellino’

Redazione Ore 12

Torino, calca Piazza San Carlo, Tribunale: “Da Appendino approccio frettoloso e negligente”

Redazione Ore 12