Esteri

Attacchi Gerusalemme, Dureghello (Com. Ebraica Roma): escalation parte di una strategia di terrore

“L’escalation degli ultimi giorni, con il lancio di numerosi razzi dalla Striscia di Gaza e gli attacchi diretti sul territorio israeliano fanno parte di una strategia di terrore che si differenzia molto da una lotta pacifica per la libertà di culto. Quello che sta accadendo negli ultimi giorni è solamente un pretesto: la questione di Sheikh Jarrāḥ – cui udienza è stata rinviata per decisione della Corte Suprema per calmare la situazione e prevenire tensioni – è stata utilizzata per deviare l’interesse dei media e della comunità internazionale sull’ennesimo rinvio dell’elezioni nei territori palestinesi e sull’incapacità di gestione dei leader palestinesi impegnati a spartirsi gli aiuti economici piuttosto che pensare alla condizione dei propri cittadini”.
E’ quanto dichiara la presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello in una nota.
“Bisogna evitare di cadere in questo tranello che punta ad accusare Israele per alimentare tensioni nell’area mediorientale. In questa maniera si fa un favore ai dittatori come Erdogan che puntano al caos per incrinare il piano di pace tra Israele e paesi arabi”, prosegue Dureghello.
“Per questa ragione invitiamo tutte le forze a unirsi a noi nel condannare senza esitazione la strategia terroristica palestinese fatta di missili, violenza e provocazioni”, conclude.

Related posts

Libertà di informazione, nel mondo un 2021 da dimenticare. Il caso del Myanmar

Redazione Ore 12

Afghanistan, Onu: “Talebani garantiscano sicurezza”

Redazione Ore 12

Attacco ispirato dall’Isis in un market di Aukland (Nuova Zelanda), sei feriti eliminato l’attentatore

Redazione Ore 12