Roma Capitale

Bambini e bambine da Ucraina, approvata memoria Giunta su accoglienza in nidi e scuole infanzia

La Giunta Capitolina ha approvato una memoria sull’accoglienza nei nidi e nelle scuole dell’infanzia di Roma Capitale dei bambini e delle bambine ucraine in fuga dalla guerra, delineando una serie di azioni affidate al coordinamento del Dipartimento Scuola, Lavoro e Formazione Professionale.

Il sindaco Roberto Gualtieri ha costituito in Campidoglio una task force per coordinare le azioni di aiuto, assistenza e accoglienza.  Inoltre, all’interno dell’unità di crisi regionale, il Sindaco è soggetto attuatore per tutte le attività di natura socio-assistenziale e di inclusione, anche scolastica, nei confronti della popolazione ucraina.

Nei nidi e nelle scuole dell’infanzia a gestione diretta di Roma Capitale verranno accolti bambini e bambine ucraine della fascia tra zero e sei anni. Nel contempo si procederà a verificare con i gestori dei nidi in convenzione con Roma Capitale la possibilità di accogliere bambine e bambini tra zero e tre anni. In coordinamento con il Dipartimento Politiche Sociali potranno essere attivati strumenti di pieno sostegno all’inserimento e al diritto allo studio dei bambini e delle bambine e favorite attività extrascolastiche, in rete con enti del Terzo Settore, associazioni di genitori, altre associazioni e con il volontariato. Verrà inoltre istituita una cabina di regia per raccogliere e coordinare tutte le richieste di iscrizione nei nidi e nelle scuole dell’infanzia.

I servizi, compresa la refezione scolastica in tutte le scuole in cui è gestita da Roma Capitale, si svolgeranno senza oneri per l’utenza. Il Dipartimento Organizzazione e Risorse Umane monitorerà il fabbisogno di personale educativo e scolastico e, dove necessario, varerà provvedimenti per aumentare quello disponibile.

“Roma è vicina al popolo ucraino che soffre la tragedia della guerra, un’aggressione inaccettabile che condanniamo”, ha affermato il sindaco Roberto Gualtieri. “Continueremo a mobilitarci per chiedere la pace e la fine dell’offensiva militare russa e a fare tutto il possibile per offrire solidarietà concreta a chi fugge dal conflitto. Con la nostra risposta a questa crisi umanitaria forniamo non solo accoglienza ma anche tutti gli strumenti a nostra disposizione per l’integrazione dei rifugiati. La scuola è uno dei primi e più importanti luoghi di inclusione. Garantiremo alle bambine e ai bambini ucraini l’inserimento scolastico e favoriremo attività e iniziative per il diritto allo studio e la socialità. Roma c’è e continuerà a mostrare il suo volto di solidarietà e di pace”.

“Roma sta facendo e continuerà a fare tutto il possibile per rispondere alla tragedia della guerra in Ucraina nel segno della pace, della solidarietà e dell’inclusione”, ha dichiarato Claudia Pratelli, assessora alla Scuola, Formazione e Lavoro. “Come in tutti i conflitti, a soffrire le conseguenze di questa guerra sono prima di tutto i civili. La Capitale si sta attivando con l’impegno di istituzioni, famiglie e società civile per fornire vicinanza concreta a chi fugge della guerra. Garantire un diritto fondamentale come quello all’istruzione, e favorire occasioni extrascolastiche di integrazione e socialità, è la nostra risposta come città del dialogo, della pace, e come comunità educante per tutte e per tutti. La scuola, come ci ha insegnato Maria Montessori, non può che essere luogo di pace, di educazione alla pace, di costruzione di pace”.

Related posts

Di Berardino (Regione Lazio): “Daremo risposte alle imprese che faticano a trovare professionalità”

Redazione Ore 12

Assistenti scolatici, presidio in Campidoglio e sciopero il 9 e 10 maggio

Redazione Ore 12

Sicurezza sul lavoro, protocollo d’intesa tra Inail e Roma Capitale

Redazione Ore 12