Primo piano

Cacciari sul Green Pass: “Obbligo spacciato come libera scelta”

In una crisi radicale, bisogna parlare radicalmente. È proibita l’accidia. Per fortuna c’è un conflitto o finiremmo come la Russia, nella migliore delle ipotesi, o come la Cina”. Così il filosofo Massimo Cacciari, presente a Modena per il FestivalFilosofia, ai giornalisti, ha risposto sulle sue posizioni critiche rispetto al Green Pass e a un certo silenzio del mondo accademico in merito all’emergenza sanitaria e a cosa ha generato nelle istituzioni e nella vita pubblica.
All’agenzia Dire, che ha chiesto al filosofo anche di commentare una certa attitudine di accettazione passiva del popolo italiano rispetto a questi temi, Cacciari ha risposto: “Non mi stupisco, da trent’anni siamo in emergenza. Guerra del Golfo, 11 settembre, terrorismo, guerra in Iraq e Afghanistan, la crisi economica, è una continua emergenza fatta di controllo, sorveglianza, punizione e alla fine un popolo non ne può più e chiede all’autorità interventi”.
“L’intellettuale ha una funzione critica – ha ribadito il filosofo – Questa è la sua funzione in Europa dai tempi di Talete, è parte integrante della cultura europea o saremmo a Tolomeo. Può un intellettuale fare certi discorsi sulla scienza? La scienza consiste nel superare i dogmatismi, dopo due secoli di epistemiologia scientifica siamo a questi livelli?”, ha incalzato il filosofo, “ma quale verità della scienza?“, ha aggiunto.
Dire

Related posts

Torna a vivere una parte consistente dell’Italia, 5 regioni e la provincia autonoma di Trento in Zona Bianca

Redazione Ore 12

Lavoro, certificazione Verde obbligatoria. Mattarella ha bollinato il Decreto

Redazione Ore 12

Vacanze? Sette milioni di italiani non possono permettersele

Redazione Ore 12