Cronaca

Calci e pugni ai bimbi dell’asilo, sospesa una maestra nel monzese

Una maestra di 59 anni di una scuola dell’infanzia nel Monzese è stata interdetta per un anno dall’esercizio della professione. Pesantissime le accuse contro di lei, cisto che avrebbe maltrattato i suoi alunni, 17 bambini di età 3-5 anni, di cui uno con disabilità. Botte e insulti ai bambini, stando all’indagine dei carabinieri, erano all’ordine del giorno. Tutto è partito dopo alcune segnalazioni sui metodi dell’indagata, installando telecamere e microfoni all’interno della classe. Le indagini sono partite in seguito ad alcune segnalazioni. Una volta raccolte, i carabinieri hanno documentato le aggressioni fisiche e verbali alle quali la donna ha sottoposto i piccoli alunni.
“Ti stacco la testa“, “bestia”, “oca”, “beduini”, e “vi taglio le mani“, sono solo alcune delle aggressioni verbali filmate dalle telecamere degli inquirenti all’interno della struttura. Se un bambino non eseguiva i suoi ordini, se rispondeva o disattendeva le sue aspettative, la donna reagiva trascinandolo per i vestiti, per le braccia o aggredendolo a calci e pugni. Il quadro indiziario completo raccolto dai militari è stato consegnato alla procura, che ha emesso la misura cautelare dell’interdizione dall’esercizio della professione, notificata a quella che doveva essere un’educatrice: la donna non potrà tornare in classe per un anno.

Related posts

Mafia, i clan avevano messo le mani sulle scommesse. Arresti e sequestri della Guardia di Finanza

Redazione Ore 12

Travolto e ucciso da un Tir mentre manifesta davanti ai cancelli della Lidl di Biandrate (No)

Redazione Ore 12

Avellino, truffa sugli incidenti stradali da migliaia di euro scoperta dalla Polizia Postale

Redazione Ore 12