Roma Capitale

Caso Cucchi, ecco le motivazioni della condanna a 13 anni di carcere per i due Carabinieri che lo aggredirono

I giudici della Corte d’assise d’appello di Roma descrivono l’aggressione contro Stefano Cucchi come una reazione “con modalità violente ingiustificate e sproporzionate”. E’ quanto si legge nelle motivazioni della sentenza con cui il 7 maggio sono stato condannati a 13 anni i due carabinieri responsabili di tale reato. La Corte ritiene le azioni “sproporzionate rispetto al tentativo dell’arrestato di colpire il pubblico ufficiale”. Il gesto di reazione di Cucchi è stato, secondo i giudici, “un gesto solo figurativo, inserito in un contesto di insulti reciproci inizialmente intercorsi dal carabiniere Di Bernardo e l’arrestato che, nel dato contesto, esprime il semplice rifiuto di sottoporsi al fotosegnalamento”. Per la Corte romana “può ritenersi accertata la sproporzione tra l’alterco insorto tra Di Bernardo e Cucchi rispetto alla portata dell’aggressione da quest’ultimo patita alla quale partecipo’ D’Alessandro”. In merito all’aggravante dei futili motivi, “le violente modalità con cui è stato consumato il pestaggio ai danni dell’arrestato, gracile nella struttura fisica, esprimono una modalità nell’azione che ha ‘trasnodato’ la semplice intenzione di reagire”. I giudici hanno condannato anche il carabiniere Roberto Mandolini per falso e a due anni e mezzo e, sempre per falso, Francesco Tedesco, il militare che con le sue dichiarazioni aveva fatto luce sul quanto avvenuto nella caserma Casilina la notte dell’arresto di Cucchi.

Related posts

Carabinieri intervengono per la segnalazione di un furto in abitazione arrestano un giovane

Redazione Ore 12

Ennesimo servizio “ad Alto Impatto” nel comune di Colleferro svolto con il coordinamento del competente commissariato nelle zone di competenza e la collaborazione del Reparto Prevenzione Crimine Lazio. Controllati 242 persone e 199 veicoli. Prestata particolare attenzione al contrasto ai reati connessi agli stupefacenti: un uomo di 57 anni è stato arrestato poiché gravemente indiziato di detenzione ai fini di spaccio. Durante una perquisizione domiciliare all’interno della sua abitazione sono stati rinvenuti circa 60 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e altro materiale da confezionamento. Il Tribunale di Velletri, dopo aver convalidato l’operato della polizia giudiziaria, ha disposto per l’uomo la misura cautelare degli arresti domiciliari. Denunciate inoltre due donne gravemente indiziate di furto in concorso commesso all’interno di un centro commerciale di Valmontone. Nei confronti delle stesse è stato emesso anche il provvedimento del Questore di Foglio di Via Obbligatorio. I poliziotti hanno poi controllato 4 esercizi pubblici, di cui 3 per la somministrazione di bevande alcoliche e uno dedicato alle sale Slot. Due le infrazioni rilevate per un totale di 2.604 euro. Ad ogni modo tutti gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell’attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Redazione Ore 12

Prima i messaggi amorosi e poi il ricatto. Donna 65enne arrestata dai Carabinieri per estorsione

Redazione Ore 12