Esteri

Contagi da Covid su due navi Usa dislocate in Medio Oriente

Sono 2 le navi da guerra della US Navy di stanza in  Medio Oriente colpite dal coronavirus Due navi da guerra della Marina statunitense che operano nel Medio Oriente, lo conferma  la Commodoro Rebecca Rebarich, portavoce della 5a flotta con sede in Bahrein. 

Una dozzina marinai a bordo della USS San Diego, un molo da trasporto anfibio, è risultata positiva al COVID-19 e comandanti confermano che la nave è nel porto del Bahrain.

L’altra nave colpita è l’incrociatore missilistico  USS Philippine Sea che ha diversi casi sospetti di virus, l’incrociatore  si dirigerà verso un porto. La versione ufficiale non ha fornito la motivazione ufficiale del cambio di rotta ma ha parlato di causa relativa alla   “ sicurezza operativa ”. DUBAI, Emirati Arabi Uniti (AP) _ Due navi da guerra della Marina statunitense che operano nel Medio Oriente sono state colpite dal coronavirus, hanno detto le autorità venerdì, con uno già in porto in Bahrain e un altro diretto in porto ora. Una dozzina di truppe a bordo della USS San Diego, un molo da trasporto anfibio, è risultata positiva al COVID-19, ha detto la Cmdr. Rebecca Rebarich, portavoce della 5a flotta con sede in Bahrein. La nave è in porto in Bahrain. Per quanto riguarda la Uss San diego l’Associated Press riferisce che “tutti i casi positivi sono stati isolati a bordo e la nave rimane in una bolla di COVID limitata ‘’.

Nel frattempo  la visita al porto e il supporto medico sono stati coordinati con il governo della nazione ospitante e il Ministero della Salute del Bahrain. 

” La seconda nave, l’incrociatore missilistico guidato USS Philippine Sea, ha “ diversi militari sotto osservazione ” per possibili infezioni da coronavirus , ha confermato la Commodoro Rebarich. 

La nave dovrebbe entrare in porto per ulteriori test senza citare la destinazione e il tipo di test. 

La San Diego ha una capacità di trasporto per700 persone, mentre il Mar delle Filippine può trasportarne oltre 300. La Quinta Flotta sta pattugliando le acque  del Medio Oriente e le sue navi hanno spesso avuto contatti  tesi con l’Iran nel Golfo Persico e nello Stretto di Hormuz, passaggio obbligato   del Golfo dal quale transita il 20% di tutto il petrolio scambiato a livello mondiale. 

AGC GreenCom

Related posts

La Sindaca di Parigi, Hidalgo, correrà per l’Eliseo sfidando Macron. Anche Marine Le Pen sarà della partita

Redazione Ore 12

Nasce in Bolivia la benzina con non inquina. Prodotta con oli e grassi

Redazione Ore 12

Siria: nuovi raid Israele, vittime

Redazione Ore 12