Cronaca

Controlli a tappeto della Gdf a Como e nell’hinterland. Sequestri e denunce

Nell’ambito delle attività di contrasto al riciclaggio, i militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Como hanno eseguito controlli nei confronti di quattro “compro oro” per prevenire il reimpiego di capitali o beni di provenienza illecita.   Le operazioni sono state eseguite dai militari delle Compagnie di Como e di Olgiate Comasco e hanno rilevato numerose violazioni alla normativa antiriciclaggio.  Nel corso dei controlli dei “Baschi Verdi” di Como, è stata accertata l’omessa dichiarazione di operazioni di vendita preziosi pe un importo superiore a 12.500 euro (soglia al di sopra della quale è prevista una comunicazione all’Unità d’Informazione Finanziaria della Banca D’Italia), l’omessa segnalazione di operazioni sospette per diverse cessioni di oro con pagamenti frazionati in contanti, e la presenza di tre bilance con revisione periodica scaduta, omologazione non conforme e prive del marchio di conformità CE.  I responsabili sono stati segnalati all’Unità di Informazione Finanziaria della Banca D’Italia per l’irrogazione delle sanzioni che vanno da un minimo del 10% ad un massimo del 40% del valore negoziato, al Ministero dell’Economia e delle Finanze per l’irrogazione delle sanzioni amministrative che oscillano da un minimo di 5.000 euro a un massimo di 50.000 euro, e alla Camera di Commercio Como-Lecco.  Provvedimenti anche per chi ha falsamente indicato i clienti e ha frazionato i versamenti per sfuggire alle norme antiriciclaggio. 

Related posts

Raffica di perquisizioni e 26 indagati aderenti ad una associazione di ispirazione neonazista

Redazione Ore 12

Retata nella roccaforte di mafia di Bagheria, otto arresti. Sventato un omicidio

Redazione Ore 12

Milano: Fabrizio Corona torna in tribunale

Redazione Ore 12