Covid

Crisanti: “Chi ha fatto il vaccino J&J a giugno ora è scoperto”

 

L’aumento dei contagi? “Avviene perché ci allontaniamo dai sei mesi nei quali la maggior parte degli italiani si sono vaccinati. Dopo sei mesi la protezione contro l’infezione e la trasmissione cala al 45%, rimane comunque la protezione per eventuali complicazioni, sempre molto alta, a circa il 75%”. Lo dice a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, il professor Andrea Crisanti. “Chi ha fatto J&J deve fare la seconda dose perché si è scoperto che non è un vaccino monodose ma va fatta la seconda dose. Chi lo ha fatto a giugno ora di fatto è scoperto – spiega Crisanti – infatti credo che a breve usciranno comunicazioni a riguardo”.

“Stiamo prendendo tempo affinché vengano sviluppati vaccini più duraturi e farmaci efficaci. Nel frattempo dobbiamo abituarci a mantenere distanze e mascherine anche tutto l’anno prossimo”, conclude.

aggiornamento del 30 ottobre 2021 ore 14.59

Related posts

+++Oltre 15mila nuovi positivi e nelle 24 ore le vittime sono 354+++

Redazione Ore 12

Covid, cambiano le regole ma…   Parla il sottosegretario alla Salute alla Salute ed evidenzia come non ci sia più una pressione sugli ospedali

Redazione Ore 12

Cartabellotta (Fondazione Gimbe): “Se i contagi risaliranno dipenderà dai cittadini”

Redazione Ore 12