Regioni

Cultura, Torrevecchia Teatina (Ch): appuntamenti prestigiosi al XXI Festival della Lettera d’Amore

Si è concluso il primo giorno del festival, con l’assegnazione del premio per il Miglior Sindaco d’Abruzzo al primo cittadino di Torrevecchia Teatina Dottor Francesco Seccia (e di riflesso a tutta la Giunta Comunale) per aver denominato la cittadina di 4000 abitanti “paese della lettera d’amore”, creando un’identità culturale molto forte del luogo, proiettato ad assumere un ruolo sempre più notevole dal punto di vista dell’attrazione culturale e turistica in Italia.

Nella mattinata si è tenuto un convegno al quale hanno partecipato, tra gli altri, il Prof. Luigi Capasso, preside della facoltà universitaria telematica della D’Annunzio e direttore del Museo delle scienze biomediche e del museo universitario, il quale ha tratteggiato in un discorso incantevole i problemi istanti, soffermandosi su cultura materiale e immateriale e descrivendo come i musei siano basati su fondamenta di generosità, in quanto offrono alla collettività beni privati. L’attuale epidemia del Covid ha messo a dura prova musei, cinema, teatri, ma la cultura costituisce la vera ricchezza di una comunità, quindi tutti dobbiamo cooperare con ragionevolezza e comportamenti maturi alla salvaguardia dell’esistente.

È poi intervenuta la professoressa Iride Conficoni, che organizzerà il festival della scrittura a mano, altro bene che va difeso e conservato e promosso, perché aiuta la concentrazione, il pensiero, lo sviluppo affettivo e cognitivo del bambino e dell’adolescente. Le volontarie del Museo dei fossili e delle ambre di San Valentino in Abruzzo Citeriore hanno espresso nelle mille difficoltà le numerose iniziative messe in campo che coniugano il museo con la collettività e con la storia del paese, promuovendo visite guidate. Il secondo giorno del Festival sabato 7 agosto prevede alle ore 21,00 nella sala adunanze del Consiglio Comunale Palazzo Valignani, la partecipazione di personalità di valore internazionale, come Lisa Billig, viennese, nel 1963 a Roma come giornalista per il Congresso Mondiale Ebraico e poi giornalista accreditata presso la Santa Sede, per commentare i lavori del Concilio Vaticano II e le nuove frontiere del dialogo tra ebraici e cristiani che furono dischiuse, nel 1965, dall’Enciclica “Nostra Aetate” di Papa Paolo VI.
A tutt’oggi, ininterrottamente, Lisa Billig opera come giornalista vaticanista e scrittrice per promuovere il dialogo interreligioso nel mondo, attraverso la propria azione, per oltre 25 anni, quale presidente della Sezione Europea di Religions for Peace di cui è attuale presidente onorario nella Sezione Italiana. Da decenni è rappresentante in Italia dell’AJC – American Jewish Committee e di collegamento con la Santa Sede.
Non meno importanti le presenze di Alberto Riva, scrittore, vissuto a Rio, studioso di musica antica e di cultura ispanico-americana, autore di libri in collaborazione con Enrico Rava e Oscar Niemeyer. Riva viene premiato per il miglior romanzo del 2021, “Il maestro e l’infanta”, sull’amicizia amorosa tra Domenico Scarlatti e Maria Barbara di Breganza.
Elisabetta Bartoli dell’Università di Siena conferirà sulle artes dictandi del XII secolo. La docente è una delle massime studiose della prima letteratura epistolare amorosa in volgare. Ad introdurla, la prof.ssa Marcella Lacanale dell’Università di Chieti.
Paolo Coen, docente all’Università di Teramo, autore di centinaia e centinaia di pubblicazioni, presenterà il suo ultimo libro, “Il recupero del Rinascimento”, di cui si è parlato diffusamente in tutti i quotidiani e le riviste nazionali, a partire da un breve saggio in prima pagine del Domenicale del Sole 24 ore di Salvatore Settis, interviste in RAI e media internazionali.
Antonello Colimberti, uno degli studiosi più avanzati nel mondo della ricerca antropologica del suono e del gesto, riceverà il trofeo del Premio Lettera d’amore. La motivazione: “per la sincerità con cui affronta la percezione umana in relazione al suono e al gesto, esplicandone la tensione profonda, tra stato di coscienza relativa e Coscienza Assoluta”.
Colimberti si dedica in particolare agli incontri fra tradizioni arcaiche e/o etniche e forme di sperimentazione contemporanea. Oltre ad aver curato numerosi volumi, ha pubblicato una raccolta di saggi intitolata Metafisica sperimentale delle arti, Tradizione perduta e ritrovata. È direttore editoriale delle riviste “Altrove” e “Almanacco Scientifico Simmetria”, insegna all’Accademia di Belle Arti di L’Aquila e collabora con la Rai.
Tra gli altri premiati, Pierluigi Ledda, che si dedica con particolare trasporto e con passione alla riscoperta della memoria storico-artistica italiana e alla sua conservazione e promozione nel settore della musica, di cui è un conoscitore raffinato, facendo di quest’arte una magnifica ossessione. Manager culturale e collezionista musicale, è il direttore generale dell’Archivio Storico Ricordi. Tiene inoltre corsi su discografia e cultural industries per l’Università di IULM di Milano.??
Ada Mammarella Anchitella, direttore del servizio di igiene di sanità pubblica del dipartimento di prevenzione della ASL Lanciano Vasto Chieti, riceve il premio per la tutela della salute pubblica, cui si è dedicata, con sacrificio e impegno, insieme con il personale del suo Servizio, contribuendo al contrasto della diffusione del virus Sars-Cov 2 attraverso il raggiungimento di un alto numero di somministrazioni di vaccinazioni.
Paolo Esposito viene premiato per la passione con cui si dedica al mondo dell’impresa denotando una particolare attenzione al tema della sostenibilità e del rispetto ambientale, rivestendo ruoli di direzione manageriale sempre con impegno e umanità. Paolo Esposito per oltre 20 anni ha lavorato nel settore privato in Italia e all’estero nel ruolo di Direttore del Personale e Organizzazione in aziende italiane e multinazionali, nei settori del trasporto aereo, farmaceutico, metalmeccanico ed editoria. Nel settore pubblico dal 2012 al 2018 – su incarico di Governo – ha diretto l’Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere, istituito a seguito del drammatico sisma del 2009, e nel biennio 2019-2020 ha ricoperto il ruolo di Direttore Generale del Gran Sasso Science Institute, a L’Aquila. Dall’aprile del 2021, sempre su incarico del Governo, è Direttore Generale dell’Agenzia per la Coesione Territoriale, a Roma. Nel febbraio del 2020 è stato insignito del Premio “Comunicare l’Europa”.
Il premio “Lettera d’Amore” per il 2021 viene assegnato a Maurizio Formichetti per la sua attività di organizzatore sportivo, mediante cui ha sempre dedicato una grande attenzione all’Abruzzo, contribuendo da solo a promuoverne l’immagine e la bellezza, ottenendo risultati straordinari. Formichetti, funzionario prefettizio, organizza manifestazioni riguardanti l’arrivo e la partenza del Giro d’Italia e della corsa ciclistica Tirreno-Adriatica fin dal 2006, è il responsabile organizzativo del Triathlon di Pescara e di molte altre iniziative sportive regionali.
L’Organizzazione ha assegnato il premio a Giovanbattista Benedicenti “per la passione amorosa con cui si dedica allo studio dell’arte e alla sua storia, con particolare attenzione al patrimonio abruzzese, doti che ne fanno un vero e autentico cultore della bellezza”.
Laureato in Lettere con indirizzo storico-artistico presso l’Università di Firenze ottenendo il massimo dei voti con la lode, Benedicenti ha lavorato presso il Courtauld Institute of Art di Londra – Witt e Conway Libraries. Nel 2001 ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Storia dell’arte presso l’Università di Venezia. Ha insegnato Storia dell’arte presso l’Università di Siena, la Boston University (sede di Padova) e l’Università Internazionale dell’Arte di Venezia. Premiato per la passione profusa nell’impresa editoriale, è Enrico Faricelli, delle Edizioni Mondo Nuovo.
Egli sostiene che l’Abruzzo sia non meno di tante altre regioni un centro propulsivo di cultura e di creatività Per il giornalismo, viene premiato Generoso D’Agnese, collaboratore di numerose testate nazionali e internazionali, autore di numerosi libri sull’emigrazione degli abruzzesi.
Per “La misura del cielo”, miglior romanzo d’amore del 2020, viene premiato Rolando D’Alonzo. D’Alonzo si è interessato fin da giovane di letteratura, di teatro, di cinema. Vari suoi radiodrammi e originali televisivi sono andati in onda sulle reti della RAI-Radiotelevisione italiana per la quale ha lavorato fino al 1995.

Related posts

Trenitalia, Corradi: “Entro tre anni alta qualità treni pendolari”

Redazione Ore 12

Fontana (Regione Lombardia) al Governo: “ I ristoranti a cena siano aperti”

Redazione Ore 12

All’Enterprise Europe Network Award 2021 di Stoccarda premiata azienda umbra insieme a Sviluppumbria

Redazione Ore 12