Politica

Elezioni in Calabria, mezza apertura di De Magistris a Conte e Letta

“Io un caffè con Conte e Letta lo prenderei. Sono il sindaco della terza città d’Italia, rappresento le istituzioni da 30 anni. Come si fa a non prendere un caffè se qualcuno te lo offre? Oppure, a maggior ragione essendo io napoletano, dovrei, vorrei offrire un caffè. Se mi invitano al tavolo del centrosinistra, li ringrazio ma declino. Non sono un candidato di centrosinistra, ma se hanno la curiosità di conoscere qual è la proposta che Luigi de Magistris ha messo in campo per cambiare la Calabria, ciò che Conte e Letta dicono, ma nel concreto si rivolgono sempre agli stessi, a me non potrebbe che fa piacere. E lo farei anche con qualche esponente di centrodestra se me lo chiedesse. Ma la Calabria è questa grande avventura che parla alle donne e uomini di Calabria“. Così alla Dire Luigi de Magistris, candidato sindaco alla presidenza della Regione.
“Io – spiega l’ex Pm – con la mia coalizione sono intenzionato a conquistare il cuore, la testa, la militanza, la sofferenza e la gioia del popolo calabrese perché questa è la vera sfida. Io quel ceto politico dominante l’ho conosciuto e tutto vuole fuorché l’interesse dei calabresi”. “Tempo fa – ricorda – ho fatto un appello tanto ai partiti di centrosinistra quanto ad alcuni schieramenti moderati e di centrodestra come a chiunque volesse partecipare a questo nostro laboratorio senza sigle di partito, con liste innovate e pulite per il cambiamento e, ovviamente, senza chi ha collusioni con la criminalità organizzata o chi ha uno spirito razzista. Questo è un laboratorio. In Emilia Romagna – ancora de Magistris – le Sardine hanno fatto in modo che si arrivasse ad un laboratorio senza simbolo di partito ma con un candidato di partito. In Calabria ci sarebbero gli estremi per una vera rivoluzione, ma credo che i partiti questo cambiamento non lo vogliano, quindi noi andremo dritti con la nostra rottura del sistema”.
Dire

Related posts

Pensioni, spunta l’ipotesi uscita 63 anni, ma solo per i lavori usuranti

Redazione Ore 12

Salvini esplosivo: “Centrale nucleare in Lombardia? Sì, che problema c’è”

Redazione Ore 12

Giovannini (Infrastrutture) annuncia la svolta verde con l’arrivo di 43 miliardi di euro

Redazione Ore 12