Cronaca

Fu uccisa in nome di Satana, suor Mainetti è Beata

Suor Maria Laura Mainetti, uccisa con 19 coltellate il 6 giugno 2000 da tre ragazze minorenni a Chiavenna durante un rito satanico, è stata proclamata beata. La formula è stata pronunciata durante una messa nello stadio comunale del comune lombardo. Il martirio di suor Mainetti, che mentre veniva colpita chiedeva a Dio di perdonare le giovani, è stato riconosciuto da papa Francesco il 19 giugno 2020 perché compiuto “in odium fidei”. Era stato prima il vescovo, monsignor Oscar Cantoni, a rivolgere la petizione, a nome della Diocesi e delle Suore Figlie della croce, perché il Papa iscrivesse suor Maria Laura nel numero dei Beati. Quindi è stata la postulatrice della causa di beatificazione, Francesca Consolini, a proporre un breve profilo biografico della martire, prima che il cardinale Semeraro presentasse la lettera apostolica con cui Papa Francesco riconosce suor Maria Laura come Beata. Sull’altare è stata quindi recata una teca, reliquiario che contiene una pietra intrisa di sangue e raccolta in via Poiatengo, a Chiavenna, nelle ore dopo la scoperta del martirio. Descrivendo brevemente le circostanze della morte della suora, la postulatrice ha ricordato che, nel loro agguato teso alla religiosa allora 61enne, le tre giovani assassine, “intrise di ideologie sataniste, volevano sacrificare al demonio una persona consacrata”. Oggi le tre hanno cambiato identità e vivono lontano da Chiavenna, tra Roma, Torino e il Veneto.

Related posts

Sequestrati dalla Guardia di Finanza beni per 53 milioni di euro per una frode tra Napoli e Trieste

Redazione Ore 12

Formazione Giornalisti, “Raccontare la verità – Come informare promuovendo una società inclusiva”

Redazione Ore 12

Sono 200 i delfini spiaggiati ogni anno in Italia

Redazione Ore 12