Politica

Giorgetti (Sviluppo Economico): “I corpi intermedi hanno un ruolo vitale”

Importante e significativo intervento del ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, ai lavori dell’Assemblea Generale di Confcommercio. “Com’è stato ricordato dal presidente Sangalli nel suo intervento- ha detto Giorgetti – nei due anni che abbiamo alle spalle le associazioni hanno svolto un ruolo fondamentale di cuscinetto rispetto alla tensione sociale“. “Il terziario di mercato – ha detto Giorgetti – è fatto di partite Iva che ogni giorno si confrontano con la concorrenza e devono affrontare sfide senza protezione e nel corso della crisi pandemica l’impostazione complessiva dell’azione dei governi in Europa è stata difensiva, per far sopravvivere il tessuto produttivo delle imprese e poi si è proiettata in una logica più di attacco con il Recovery plan, con una politica di investimenti sul futuro”. “La guerra in Ucraina è stato un evento che ha inciso e inciderà in modo negativo sullo sviluppo di alcuni investimenti. Poi c’è il grande problema dell’inflazione e della perdita del potere d’acquisto delle famiglie. Oggi paghiamo anche delle scelte fatte in passato in tema di politiche energetiche e ambientali“. “Il dibattito sul salario minimo è importante ma attenzione a pensare che con una norma si possano risolvere i problemi. L’Italia ha una storia di contrattazione collettiva che ha prodotto risultati importanti, non bisogna creare distorsioni per i lavoratori che potrebbero essere anche controproducenti“. Parlando di concorrenza, il ministro non è voluto entrare nel tema specifico dei balneari. “Ma a proposito di Europa, mercato e trasparenza- ha detto Giorgetti – penso che l’Europa debba difendere i valori della concorrenza in modo trasparente. Non deve essere debole con i forti e forte con i deboli. Quando si tratta di approvare queste direttive il piccolo imprenditore non ha la potenza di lobby delle grandi piattaforme“.  Giorgetti ha chiuso il suo intervento parlando della crisi energetica e deli interventi di sostegno a favore di imprese e famiglie. “Guardando avanti dobbiamo porci il tema di razionalizzare le spese. Il paese è già fortemente indebitato e il Governo deve, da un lato garantire una politica di bilancio seria e consapevole della situazione, con l’esigenza di far fronte al bilancio pubblico per legittime richieste delle famiglie“. “Dobbiamo porci il tema di razionalizzare qualche voce di spesa, tra cui i bonus, perché non posso immaginare un’aumento dell’imposizione fiscale per finanziare altri tipi di spesa“.

Related posts

Finito il giallo sulla salute di Berlusconi, dimesso dal San Raffaele

Redazione Ore 12

E’ morto Angelo Guglielmi, alla Rai ridisegnò l’informazione televisiva

Redazione Ore 12

Covid-19, Italia: 14.218 nuovi contagi su 270.507 tamponi e 377 decessi nelle ultime 24 ore

Redazione Ore 12