Covid

Gran Bretagna, il Governo ci ripensa, contro il Covid non serve più il Green Pass per entrare nei luoghi affollati

Il governo britannico non imporrà il pass anti-Covid per entrare nei luoghi affollati al chiuso in Inghilterra, come i locali notturni, o per accedere a grandi eventi. Lo ha reso noto il ministro della Salute, Sajid Javid. Si tratta di un dietrofront da parte di Londra, dovuto, ha spiegato Javid, all’elevato numero di persone vaccinate nel Paese. Ad oggi oltre l’80% della popolazione con più di 16 anni ha completato il ciclo. “Non dovremmo fare le cose tanto per farle”, ha dichiarato il ministro, che aveva definito il Green pass il modo migliore per affrontare la questione. Ha inoltre aggiunto che non gli è “mai piaciuta l’idea di dire alle persone ‘devi mostrare i documenti’ per fare un’attività quotidiana”. La misura, secondo le anticipazioni, avrebbe dovuto essere approvata entro fine settembre e imporre l’obbligo della certificazione vaccinale (o di un test negativo) per poter accedere esclusivamente a locali notturni, discoteche o eventi di massa inglesi (concerti, spettacoli, manifestazioni sportive), così come stabilito dal primo ottobre finora dalla sola Scozia fra le 4 nazioni del Regno. Javid ha tuttavia reso noto alla Bbc che la decisione finale del governo centrale Tory, competente sull’emergenza sanitaria in Inghilterra, è ora di non procedere più. “Sono lieto di poter dire che non andremo avanti su questa strada”, ha tagliato corto. Il ministro ha osservato come altrove il Green pass (tendenzialmente impopolare oltre Manica, e non meno sgradito a sinistra che a destra dello schieramento politico) sia stato introdotto di fatto per incoraggiare la gente a vaccinarsi. Obiettivo che in Gran Bretagna è in via di raggiungimento comunque, ha argomentato, con oltre l’81% dell’intera popolazione over 16 già immunizzata con 2 dosi e il 90% con una. Resta da accelerare la campagna fra 16enni e 17enni, gli ultimi a essere coinvolti in ordine di tempo, dove finora si è giunti “al 55-60%”, ha ammesso Javid, mostrandosi peraltro incoraggiato dalla tendenza attuale pure in questa fascia d’età.
aggiornamento Pandemia Covid del 13 settembre ore 15.20

Related posts

Germania, il virus contagia oltre 50mila persone e le vittime sono 235

Redazione Ore 12

Abrignani (Statale Milano) effetto combinato ha fatto risalire i contagi. Troppo bassa la percentuale dei vaccinati nella fascia 5-11 anni 

Redazione Ore 12

Vaccinazioni, l’Italia avanti. Oltre il 60% degli over 12 è vaccinato

Redazione Ore 12