Cronaca

La confessione di Benno: “Ho strangolato mio padre dopo una lite per soldi”

Il 30enne Benno Neumair ha confessato di aver ucciso i genitori Peter Neumair e Laura Perselli agli inizi di gennaio a Bolzano. Nel corso del primo interrogatorio, durato tre ore, il giovane non ha mostrato alcun segno di pentimento. “Avevamo litigato per i soliti motivi di soldi. Io volevo finirla lì ma lui continuava e allora ho preso una corda e gliel’ho stretta al collo. L’ho fatto per farlo stare zitto”, ha raccontato agli inquirenti.  Il verbale, riportato dal Corriere della Sera, riassume le tre ore di interrogatorio videoregistrato e racconta di un ragazzo che confessa senza mostrare alcun cenno di rimorso, una lacrima o un “mi dispiace”.  Dopo aver raccontato il modo in cui ha ucciso il padre, con freddezza ha poi spiegato: “Mia madre è arrivata che era appena successo, non le ho nemmeno dato il tempo di togliersi il cappotto e quando è entrata ho strangolato anche lei” con la stessa corda usata per suo padre. Poi si è disfatto della stessa corda e del cellulare, gettandoli in non precisati cassonetti.  

Benno ha quindi detto di aver “caricato in spalla” i cadaveri dei genitori “fino alla macchina parcheggiata davanti alla porta. Dopo aver buttato via i corpi avevo già pulito casa ma volevo pulire meglio, volevo essere sicuro” e quindi ha utilizzato acqua ossigenata per cancellare le tracce eventualmente lasciate sul pavimento di casa. Quella sera Benno, dopo aver caricato i corpi in macchina, ha incontrato un vicino di casa che lo ha visto trafelato, strano. “Ho finto di aver appena terminato di allenarmi”, ha detto ancora nell’interrogatorio. La confessione è avvenuta in due parti, nell’arco di quasi un mese, ma alcuni punti sono ancora da chiarire. 

Related posts

Cinque anni fa la scomparsa di Giulio Regeni

Redazione Ore 12

Sequestrati dalla Guardia di Finanza beni per 53 milioni di euro per una frode tra Napoli e Trieste

Redazione Ore 12

Operazione ‘Mani di Fata’ della Guardia di Finanza a Bologna, sequestrati beni per 1,5 milioni ad un’impiegata infedele

Redazione Ore 12