Cronaca

L’Etna scarica energia, è la terza attività parossistica del grande vulcano siciliano

L’Etna continua a dare spettacolo con le sue fontane di lava: terza fase parossistica dalla notte tra il 18 e il 19 maggio scorso, quando fu registrata la ‘fontana di lava di Franco Battiato’. La nuova attività è presente ancora una volta dal cratere di Sud-Est con spettacolari fontana di lava ed emissione di cenere che si disperde in direzione Est-Nord-Est.
L’eruzione è monitorata dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio Etneo (Ingv-Oe) di Catania ed è ripresa alle 20.30 circa di ieri sera con un’attività stromboliana. Il tremore vulcanico è in ulteriore aumento su valori molto alti. Le sorgenti del tremore sono localizzate in prossimità del cratere di Sud-Est ad una profondità di circa 2.8 chilometri sul livello del mare. Il tasso di occorrenza degli eventi infrasonici è molto alto. La rete clinometrica mostra modeste variazioni intorno a 0.1 microradianti. La rete Gnss non mostra variazioni.
L’Etna ha cambiato volto in tre anni e ha un “cuore pulsante”: un meccanismo, quest’ultimo, presente probabilmente nei vulcani del resto del pianeta. Si tratta di un serbatoio magmatico più profondo che ne alimenta costantemente uno più superficiale, dove i gas pressurizzano dando origine alla raffica di fontane di lava. Lo ha scoperto un team di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), che ha pubblicato il modello di descrizione sulla rivista scientifica ‘
AGC GreenCom

Related posts

Eitan, grande attesa per l’udienza a Tel Aviv. La zia paterna e tutrice legale: “Confidiamo nei giudici”

Redazione Ore 12

Milano violenta, in poche ore due omicidi

Redazione Ore 12

Esodo estivo, chiusi dal 23 luglio 435 cantieri Anas per rendere migliore la viabilità

Redazione Ore 12