Primo piano

Multe in arrivo per chi non accetta pagamenti con bancomat di qualsiasi importo

Sono in arrivo multe per chi non accetta pagamenti di qualsiasi importo con bancomat o carte di credito. Un emendamento al dl Recovery all’esame della Commissione Bilancio della Camera prevede una sanzione di minimo 30 euro per tutti i soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, che non accetteranno i pagamenti elettronici. Dal 1° gennaio, dunque, non basterà più rispettare l’obbligo di avere il Pos: chi non lo utilizza pagherà una multa proporzionata al valore della transazione negata. Finora, ricorda laleggepertutti.it, c’era l’obbligo di averlo ma non la multa per chi non lo voleva usare. Ora si cambia: sono in arrivo delle sanzioni per chi rifiuta i pagamenti con Pos. Lo ha deciso il governo, che vuole in questo modo fare un altro passo avanti nella lotta all’evasione fiscale.  Il ragionamento dell’esecutivo è molto semplice: inutile imporre agli esercenti o ai prestatori di servizi uno strumento per i pagamenti tracciabili se poi il consumatore, appena accenna a tirar fuori carta di credito o bancomat, si sente dire che la moneta elettronica non è accettata e il negoziante, il barista o il professionista la passano liscia. Così dal 1° gennaio 2022 chi non dispone di Pos o ce l’ha come elemento d’arredo inutilizzato verrà punito con una sanzione amministrativa di 30 euro più il 4% del valore della transazione rifiutata. Per fare qualche esempio: chi non accetta di incassare un caffè da 1 euro con il bancomat, pagherà 30,04 euro di multa per ogni transazione negata, mentre chi rifiuta il pagamento elettronico di un pasto da 25 euro si vedrà arrivare una sanzione da 31 euro, e così via. Più alto è il valore del bene o del servizio acquistato, più aumenta l’importo della sanzione.  Così facendo, il governo cerca di dare un senso compiuto all’obbligo del Pos. Finora, infatti, l’esercente è tenuto ad averlo ma non è sanzionato se non lo usa. Il che, ovviamente, legittima chi vuole fare riscuotere in contanti a non utilizzare il dispositivo per i pagamenti elettronici, con il rischio che ci scappi qualche incasso non dichiarato. La sanzione, quindi, viene introdotta con questa logica: ogni obbligo imposto senza una sanzione per chi non lo rispetta è un obbligo inutile. E tanto vale rendere utili le cose inutili. Ci è riuscito questa volta Mario Draghi, dopo che in passato il governo di Giuseppe Conte provò senza successo a mettere delle sanzioni contro chi rifiuta il Pos.  L’obbligo di accettare i pagamenti elettronici sarà assolto anche quando venga accettata solo una tipologia di carta di debito e almeno un’altra di carta di credito, identificate dal marchio del circuito a cui appartengono. In sostanza, il consumatore deve avere la possibilità di pagare o con carta di credito o con bancomat o altra carta di debito.  Il giro di vite sui Pos si aggiunge alle sanzioni per l’omessa fatturazione e per il mancato rilascio dello scontrino fiscale.

Related posts

Tre miliardi di persone non hanno accesso all’acqua per l’igienizzazione delle sole mani

Redazione Ore 12

Vendetta Usa, eliminato un pianificatore di attentati dell’Isis. Colpito dai droni americani nella provincia del Nangahar

Redazione Ore 12

Sabaudia, uno scandalo all’ombra del monte della maga Circe. Ecco le accuse

Redazione Ore 12