Primo piano

Nel 2020 registrati in Italia 746mila decessi, il 18% in più di quelli registrati nel 2019

Secondo quando rilevato dall’Istat nel suo report sugli indicatori demografici, nel 2020 i decessi totali in Italia sono stati 746mila, il 18% in più di quelli rilevati l’anno precedente. A influire, ovviamente, anche il Covid che ha avuto effetti su tutte le componenti del ricambio demografico, facendo registrare una “dinamica naturale (nascite-decessi)” negativa nella misura di 342mila unità. Continua a diminuire la popolazione: al 1° gennaio 2021 i residenti ammontano a 59 milioni 259mila, 384mila in meno su base annua. Minimo di nascite e massimo di decessi: 7 neonati e 13 decessi per mille abitanti. Flussi migratori con l’estero frenati: il saldo è di +79 mila, pari a 1,3 per mille abitanti, la metà del 2019. Età media in ulteriore rialzo: 46 anni al 1° gennaio 2021.

Related posts

Landini (Cgil) chiede uno stop generalizzato dei licenziamenti

Redazione Ore 12

Mattarella: “A Stazzema inconcepibile disumanità”. L’orrore scatenato da fascisti e nazisti

Redazione Ore 12

Cnr: “Verso la raccolta differenziata per le centrali nucleari”

Redazione Ore 12