Roma Capitale

Operazione ‘Ragnatela’ della Polizia di Stato contro la ‘Ndrangheta. Sequestro di beni nella Capitale per tre milioni di euro

Sequestro beni e proprietà per 3 milioni di euro a uomini ritenuti vicini alla ‘Ndrangheta. Il provvedimento è stato deciso dal tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di due persone legate alla al mandamento tirrenico ed alla famiglia Piromalli di Gioia Tauro. La misura, eseguita dalla Polizia di Stato, è scattata nei confronti di C. A., di anni 61, dei Mammoliti di Castellace di Oppido Mamertina. L’uomo è risultato coinvolto in episodi di bancarotta fraudolenta. Analoga decisione adottata per F. G., romano, usuraio di 70 anni, legato in passato a figure che gravitavano intorno a Cosa Nostra, Camorra e Banda della Magliana. C. A. è esponente di spicco della cosca calabrese MAMMOLITI di Castellace di Oppido Mamertina e del pregiudicato romano F. G., classe 1942.  Le indagini patrimoniali avviate dagli specialisti della Divisione Anticrimine, coordinati dalla D.ssa Angela ALTAMURA, sono state focalizzate sulla ricostruzione della “carriera criminale” e sull’analisi delle posizioni economico-patrimoniali degli interessati unitamente a quelle dei rispettivi nuclei familiari. Tale attività, tesa all’aggressione di patrimoni illecitamente accumulati dalla criminalità organizzata, ha evidenziato una rilevante sproporzione tra i beni posseduti, direttamente o per interposti fittizi, e i redditi dichiarati e l’attività economica svolta, tale da far ritenere che siano il frutto di attività illecite o ne costituiscano il reimpiego.  Il compendio patrimoniale sottoposto a vincolo, del valore di circa tre milioni di euro, comprende la totalità delle partecipazioni di una società di capitali con sede a Roma, attiva nel settore immobiliare; un complesso immobiliare, sito a Roma, costituito da locali commerciali di estesa superficie; un complesso immobiliare destinato ad albergo – ristorante, ubicato a Rocca di Papa (RM); immobili per civile abitazione siti in Gioia Tauro (RC); una polizza assicurativa del valore di € 150.000, oltre numerosi rapporti creditizi, di cui uno intestato ad un società di capitali operante nel settore dell’energia elettrica, con sede a Roma. Le disponibilità finanziarie sono in corso di accertamento.Le risalenti condotte delittuose di C. A. riguardano i reati di bancarotta fraudolenta e l’impiego di capitali illeciti in attività economiche, gestite con modalità fraudolente, al fine di massimizzarne i profitti, nonché quelli di seriali intestazioni fittizie di beni con finalità elusive e agevolative. La necessità di reinvestire i notevoli flussi finanziari illecitamente acquisiti spinse C. A. a trasferire a Roma e provincia il centro dei suoi interessi, con particolare riferimento al settore alberghiero e della ristorazione.  In relazione al romano F. G., noto usuraio e collettore dei proventi della criminalità mafiosa per fini di riciclaggio, si deve evidenziare l’elevato spessore criminale dello stesso, accostato, fin dalla fine degli anni ’70 del secolo scorso, a personaggi come i defunti SBARRA Danilo e MERLUZZI Luciano –  quest’ultimo commercialista del cassiere di “Cosa Nostra”, Pippo CALO’ e appartenenti alla c.d. “Banda della Magliana” e alla “Camorra”. L’esecuzione del provvedimento in argomento, vede impegnati oltre la Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Roma anche il personale di 7 Commissariati di P.S sul territorio di Roma e provincia. Inoltre l’operazione ha richiesto la collaborazione della Divisione Anticrimine della Questura di Reggio Calabria e dei Commissariati di P.S. di Gioia Tauro e di Taurianova. La caratura criminale dei proposti e il potere di alterare il mercato economico, consente di sostenere che i “pezzi di ‘ndrangheta” presenti nella capitale e nei comuni limitrofi sono sempre più “visibili” e sono capaci di replicare pienamente la propria struttura criminale nel territorio dove si sono stabilizzati.

In tale ottica i sequestri, finalizzati alla confisca di prevenzione, costituiscono una straordinaria azione di contrasto alla criminalità organizzata e un importante strumento attraverso il quale le ricchezze accumulate vengono sottratte al circuito criminale per essere restituite alla collettività in un percorso di legalità.

Related posts

TOR BELLA MONACA – AL BAR E NELLA SALA SLOT SPROVVISTI DI GREEN PASS. 3 CLIENTI E 2 TITOLARI SANZIONATI.

Redazione Ore 12

Partono in contemporanea le manutenzioni del Comune e dell’Anas. Investimento 18mln per 100km, altri 80km attraverso gli accordi CSIMU

Redazione Ore 12

Regione Lazio: Ognibene (Leu): “Giornata storica per Anzio, la Vignarola entra nella riserva di Tor Caldara”

Redazione Ore 12