Covid

Pandemia, finalmente la luce in fondo al tunnel. Rt in netto calo insieme all’incidenza dei casi

La fine della pandemia da Covid 19 sembra più vicina. L’Rt è in netta discesa anche in Italia. Nell’ultima settimana è ha toccato quota 0.93 e l’incidenza settimanale a 1.362 casi su 100.000 abitanti (contro i 1.823 casi della settimana precedente). Questi i numeri rilevati dall’Istituto superiore di Sanità nell’ultima settimana.

Nel periodo 12 gennaio 2022-25 gennaio 2022, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,93 (range 0,9-0,98), in diminuzione rispetto alla settimana precedente e al di sotto della soglia epidemica. Lo stesso andamento si registra per l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt=0,89 (0,88-0,9) al 25/01/2022 vs Rt=0,96 (0,94-0,99) al 18/01/2022.
Si sottolinea però che diverse regioni/ppaa hanno segnalato problemi nell’inserimento dei dati del flusso individuale ed in particolare nella segnalazione della presenza di sintomi in tutti i casi diagnosticati. Sono alcuni dei dati che emergono dal monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute sul Covid-19. Nel documento si osserva inoltre unadiminuzione dell’incidenza settimanale a livello nazionale: 1362 ogni 100.000 abitanti (28/01/2022-03/02/2021) vs 1823 ogni 100.000 abitanti (21/01/2022-27/01/2021), dati flusso ministero Salute.

Il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 14,8% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 3 febbraio) vs il 16,7% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 27 gennaio). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale è al 29,5% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 3 febbraio) vs il 30,4% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 27 gennaio).

Diminuisce il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (553.860 vs 652.401 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in leggera diminuzione (17% vs 18% la scorsa settimana). È stabile invece la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (38% vs 38%) ed anche la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (45% vs 45%). È quanto emerge dal monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute sul Covid-19. Tre regioni/ppaa sono classificate a rischio alto, secondo il dm del 30 aprile 2020, a causa dell’impossibilità di valutazione per incompletezza dei dati inviati; 3 regioni/ppaa risultano classificate a rischio moderato. Tra queste, una regione/pa è ad alta probabilità di progressione a rischio alto secondo il dm del 30 aprile 2020. Le restanti 15 regioni/ppaa sono classificate a rischio basso. Sono 10 le regioni/ppaa che riportano almeno una singola allerta di resilienza. Una regione/pa riporta molteplici allerte di resilienza. È quanto emerge dal monitoraggio della Cabina di regia Iss-ministero della Salute sul Covid-19.

aggiornamento pandemia Covid ore 15.35

Related posts

Covid, torna la paura nel Regno Unito. Scricchiola il ‘Freedom Day’ del 21 giugno

Redazione Ore 12

Covid, Pechino non molla la presa nelle misure di contrasto. Piena modalità di emergenza in tutti i Distretti per non avere contraccolpi sulle Olimpiadi

Redazione Ore 12

Vaccinazioni ai bambini, campagna informativa di Bambin Gesù e Regione Lazio

Redazione Ore 12