Covid

Possibile la terza dose di vaccino. E’ allo studio di Moderna

“Stiamo lavorando su vaccini polivalenti”. Lo annuncia in una intervista al Corriere della Sera, Andrea Carfì, capo della ricerca per le malattie infettive dell’americana Moderna, la multinazionale specializzata nella tecnologia dell’Rna messaggero. Lo scienziato spiega anche che in considerazione delle nuove varianti “è reale la prospettiva di una terza dose di richiamo per il prossimo anno e anche per i successivi”.  Sulle variante identificate finora lo scienziato spiega: “preoccupa quella identificata per la prima volta in Sudafrica (B.1.351). Si è visto in studi di laboratorio che il nostro preparato risponde cinque-sei volte meno rispetto a quanto non faccia contro il virus originale, il Wuhan, o la variante identificata inizialmente in Inghilterra (B.1.17). Stiamo sperimentando sull’uomo due nuove versioni del vaccino: la prima contiene la sequenza della variante del Sudafrica, la seconda è la combinazione di una sequenza genetica del virus mutato e dell’originale. Si punta a trovare formule multivalenti come per l’antinfluenzale. Una dose contro quattro virus”. Sulla variante indiana e la supposta maggiore contagiosità, Carfì aggiunge: “lo sapremo la prossima settimana dopo aver raccolto i dati. Noi monitoriamo costantemente e tentiamo di capire in base ai cambiamenti di piccole parti del virus le versioni più pericolose che subito vengono testate in laboratorio. La variante indiana preoccupa un po’ perché combina due mutazioni già viste in altre varianti”.

Related posts

D’Amato (Regione Lazio): “Record di over 80 vaccinati. Somministrate oltre 50mila dosi”

Redazione Ore 12

Bassetti (Policlinico San Martino di Genova): “Incomprensibili le ragioni di chi non si vaccina”

Redazione Ore 12

Covid: è guerra tra l’India e Twitter

Redazione Ore 12