Politica

Riforma del catasto, Berlusconi avverte Draghi: “No a qualunque forma di patrimoniale”

Berlusconi va all’attacco della riforma del catasto e lo fa intervenendo sul quotidiano di famiglia Il Giornale. Un monito vero e proprio al Governo Draghi: “Ho detto più volte che per noi la casa è sacra” e per questo “abbiamo detto un convinto no alla revisione degli estimi catastali: se fosse un’operazione neutra dal punto di vista fiscale non avrebbe alcuna utilità e soprattutto nessuna urgenza, se invece si traducesse in un aggravio delle imposte, come presumibilmente accadrebbe, sarebbe per noi totalmente inaccettabile”. Berlusconi ha ribadito che Forza Italia aderisce a un governo di unità nazionale ma ha anche sottolineato che “vi sono alcuni punti fermi che caratterizzano la nostra partecipazione a questo governo, proprio nell’ottica di favorire la ripartenza. Uno dei più importanti è il nostro deciso no a qualunque forma di patrimoniale e di ogni altra forma di tassazione che colpisca la proprietà immobiliare. “Stiamo lavorando invece per una politica di incentivi nel settore edilizio che si traduce nella proroga del bonus al 110% per le ristrutturazioni edilizie e le facciate e degli ecobonus; una politica che prevede una moderna legislazione sulla rigenerazione urbana e risposte concrete alla crisi delle locazioni immobiliari”, ha aggiunto. Per Berlusconi “sgravi e incentivi, dunque, sono la strada da seguire per ridare fiato ad un settore che ha pagato la crisi a carissimo prezzo. Naturalmente siamo persone responsabili, sappiamo che è necessario tenere conto delle compatibilità finanziarie in un momento così difficile”.

Related posts

Di Maio: “M5s baricentro del paese, crisi senza alcun senso”

Redazione Ore 12

Famiglia, Bonetti: “E’ venuto il momento della scelta del cognome materno”

Redazione Ore 12

Il successore di Mattarella sarà scelto tra pesi e contrappesi politici

Redazione Ore 12