Roma Capitale

Roma torna capitale della musica: 160 eventi e un indotto da 700 milioni di euro

Il presidente di Assomusica, Vincenzo Spera: “Previsti quasi 2 milioni di spettatori nel 2022, c’è una enorme ricaduta sul territorio”. Tra i nomi più attesi, Vasco Rossi, Blanco e i Maneskin

 

 

Quasi 160 eventi di musica dal vivo in location mozzafiato, dall’Auditorium Parco della Musica alle Terme di Caracalla, dal Circo Massimo allo stadio Olimpico e all’Ippodromo di Capannelle. Dopo due anni di stop, Roma è di nuovo capitale della musica, oltre che del cinema, e torna a riempirsi con un fitto calendario di eventi per tutti i gusti.

I CONCERTI PIÙ ATTESI DELL’ESTATE A ROMA

Vasco Rossi (11 giugno), Blanco (27 e 28 luglio), Claudio Baglioni (3 e 18 giugno), Ultimo (17 luglio), Marco Mengoni (22 giugno), Måneskin (9 luglio) Renato Zero (23, 24, 25, 30 settembre più la nuova data dell’1 ottobre): sono solo alcuni dei nomi che riempiranno l’estate romana e che attireranno a Roma, spiega Vincenzo Spera, presidente di Assomusica, “quasi 2 milioni di spettatori nel corso del 2022. Stando ai dati di quest’anno la Capitale sta avanzando anche su Milano sul fronte spettatori” e “il 77% arriva dalla provincia, il che significa un’enorme ricaduta sul territorio”.

L’IMPATTO DI VASCO SU TRENTO

Non è solo uno svago la musica, quindi, ma un vero e proprio motore pulsante per il Paese, con effetti non di poco conto. Ne è esempio lampante quanto sta accadendo a Trento con il concerto evento di Vasco Rossi, live che il 20 maggio sarà seguito da circa 120mila fanprovenienti da tutta Italia. “È una roba che è iniziata già da qualche giorno – sottolinea il presidente di Assomusica – non si trova dove andare a dormire già dai mesi di marzo e aprile. C’è un grosso impatto sul turismo. In questo caso, la ricaduta è di sette milioni di euro”.

L’INDOTTO DI ROMA CAPITALE DELLA MUSICA

Se torniamo a Roma, “parliamo di qualcosa che si aggira intorno tra i 700 milioni e il miliardo di euro di ricadute“. E sull’argomento Spera aggiunge: “È evidente che non va tutto sulla città: ci sono una serie di voci di spesa di chi va a un concerto, dai treni agli hotel. La cosa che sfugge è, però, che il nostro è un settore particolare che crea ricadute non solo nella costruzione del prodotto, e quindi nella filiera che crea il prodotto spettacolo, ma dopo anche nel momento in cui è stato venduto questo prodotto. Si crea un’altra catena che è ancora più importante e che crea più economia del concerto stesso”.

LO SPETTRO DELLA BUROCRAZIA

Per questo è fondamentale una regolamentazione precisa del settore spettacolo, ancora ingarbugliato da cavilli burocratici che, secondo Spera, dovrebbero ormai essere storia: “Si sta verificando un fenomeno, qui e là in Italia, che porta nuove difficoltà autorizzative e amministrative che a volte sembravano essere superate e alcune gabelle che gli enti stanno mettendo e questo non fa bene. Se si castiga un settore che è stato fermo per due anni significa che qualcosa non funziona“. Quello che ci si augura è ora che “ci sia più sinergia, complicità e capacità di essere presenti in luoghi dove non si è stati presenti fino ad oggi. Caratteristiche che in Italia non ci sono se non come dei moscerini difficili da trovare”, conclude il presidente di Assomusica. Insomma, il tempo della retorica è finito.

Dire

Related posts

Tor Bella Monaca, la piazza di spaccio sempre più nell’occhio del ciclone giustizia. Ancora arresti (quattro) dei Carabinieri

Redazione Ore 12

Dalla Regione Lazio 2,7 milioni di Euro per prevenire il dissesto finanziario dei Comuni

Redazione Ore 12

Incendio al Tmb di Malagrotta: ancora una nuova Ordinanza del Sindaco a salvaguardia della salute pubblica, con la conferma di alcuni divieti, per un raggio di 6 km dal luogo dell’incendio

Redazione Ore 12