Cronaca

Sequestrate dalla Guardia di Finanza e dall’Agenzia delle Dogane di Trieste, 480mila mascherine non conformi

I militari della Compagnia di Trieste della Guardia di Finanza e gli uomini dell’Agenzia delle Dogane della stessa città hanno sequestrato 480 mila mascherine anti-Covid perché non conformi alle norme di sicurezza. Il sequestro è avvenuto nell’ambito di una inchiesta aperta dalla Procura di Trieste su una fornitura turca. A darne notizia il giornale radio della Rai Tgr Fvg precisando che i dispositivi erano destinati alla Polizia di Stato e a personale sanitario e che il sequestro è avvenuto nel Porto di Trieste.  Il materiale era destinato, tra l’altro, a realtà sanitarie piemontesi, probabilmente di Torino. E proprio in Piemonte sarebbero avvenuti altri sequestri analoghi di recente. Secondo quanto si è appreso, l’inchiesta è cominciata mesi fa e anche il sequestro è avvenuto tempo fa ma la notizia si è diffusa soltanto oggi. Per la Rai non si tratterebbe del primo sequestro di dispositivi anti-Covid non conformi nello scalo giuliano, in particolare di mascherine, anzi, nel tempo sarebbero più di un milione i dpi posti sotto sequestro. I dispositivi sarebbero giunti a Trieste dalla Turchia, destinati a un fornitore milanese che si sarebbe dichiarato parte lesa nella vicenda. 

Related posts

Sosteneva di essere povera, incassava il reddito di cittadinanza, ma aveva vinto 300mila euro a un gioco on line

Redazione Ore 12

Azzerata a Palermo dalla Guardia di Finanza un’organizzazione di usurai

Redazione Ore 12

Libri: omicidio Bergamini, il talento di Rita Cavallaro di andare “oltre l’indizio”

Redazione Ore 12