Politica

Sgarbo alla von der Leyen, Draghi contro Erdogan: “E’ un dittatore”. Convocato l’ambasciatore italiano

Cresce sempre di più “sofagate”, l’incidente di protocollo che ha coinvolto Ursula von der Leyen, lasciata senza sedia da Erdogan durante un incontro con i due leader Ue nel palazzo presidenziale di Ankara. Dopo che Draghi ha parlato di comportamento “inappropriato” e ha definito il presidente turco  un “dittatore”, Ankara ha convocato l’ambasciatore italiano. Michel intanto spiega perché non è intervenuto: “Ho pensato che avrebbe provocato un incidente più grave”. Il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, ha fatto sapere che Ankara condanna “con forza le affermazioni senza controllo del primo ministro italiano Mario Draghi sul nostro presidente eletto”.  

Draghi: “Da Erdogan comportamento inappropriato: ha umiliato von der Leyen”A far scattare la reazione di Ankara sono state le parole del premier Draghi durante una conferenza stampa. Incalzato sul “sofagate” dai giornalisti il presidente del Consilio ha spiegato di non condividere “il comportamento di Erdogan nei confronti della presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen. Non condivido assolutamente Erdogan, credo che sia stato un comportamento inappropriato, mi è dispiaciuto moltissimo per l’umiliazione che la presidente della Commissione Europea ha dovuto subire”. 

Related posts

Fiammetta Modena (FI): “Pnrr, Draghi ci ha messo sulla rampa di lancio”

Redazione Ore 12

Mattarella e la strage di Piazza Fontana: “Eversione neo-fascista”

Redazione Ore 12

Disco verde della Camera al Decreto Semplificazioni. Ora il passaggio al Senato. Al suo interno anche la Governance del Pnrr

Redazione Ore 12