Politica

Sondaggio Dire-Tecnè – Il Pd resta primo partito con il 20,3%, seguono FdI 19,9% e terza piazza alla Lega con il 18,4%

Il Pd si conferma primo partito per il 20,3% degli intervistati, nonostante una leggera flessione dello 0,1% rispetto alla scorsa settimana. Alle sue spalle Fratelli d’Italia con il 19,9% (-0,1%) e la Lega con il 18,4%. E’ quanto emerge dal sondaggio Dire-Tecnè realizzato lo scorso 19 novembre. Giù dal podio ancora il Movimento 5 Stelle con il 16,1% (-0,1%). Quindi tutti gli altri, Forza Italia al 7,6% (+0,1%), Azione al 3,8% (-0,1%),Italia viva al 2,3% (+0,1%), Articolo 1 al 2% (-0,1%), Europa verde al 2%, Sinistra italiana al 2,0%, Più Europa all’1,6% (+0,1%), gli altri al 4%. A livello di coalizioni, leggero allungo del centrodestra nei confronti del centrosinistra per quel che riguarda il gradimento degli italiani, dopo una rimonta che andava avanti dall’insediamento del Governo Draghi di circa 8 mesi fa. Le due coalizioni ad oggi sono staccate di 6,6 punti. Nel dettaglio il 47% degli italiani voterebbe per il centrodestra composto da FdI, Lega, FI, CI, Udc (lo 0,1% in più rispetto alla scorsa settimana). Per la coalizione di cui fanno parte Pd, M5S, Art.1, EV, andrebbe il 40,4% delle preferenze (-0,3%).

Alta ma in leggero calo nell’ultima settimana la fiducia in Mario Draghi. Monitor Italia, il sondaggio realizzato dall’istituto Tecne’ in collaborazione con l’agenzia Dire, al 19 novembre registra per il premier una percentuale di giudizi positivi al 64,6%, in calo rispetto al 65,3% della settimana scorsa. Nello stesso lasso di tempo in calo anche la fiducia nel governo che passa dal 54,1% al 53,8%. Cala di pochissimo al fiducia degli italiani nei confronti del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella che perde lo 0,1% rispetto alla scorsa settimana. Il consenso per il capo dello Stato si attesta al 75,1% e si mantiene quindi stabile: negli ultimi 8 mesi – dall’insediamento del Governo Draghi – la fiducia nel confronti di Mattarella non è mai scesa sotto il 70%.

Related posts

Draghi: “Putin non vuole la pace. Il piano sembra essere un altro”

Redazione Ore 12

Riforme, sulle pensioni si cerca l’intesa. Braccio di ferro su flessibilità in uscita 62-64 anni

Redazione Ore 12

Crepaldi (Ace) su Del Zan: “Scandalo per intervento Vaticano e per quello Ue nessuno ha niente da dire?”

Redazione Ore 12