Cronaca

Sparatoria in un disco pub pugliese, feriti in dieci. Nessuno è in pericolo di vita

(Red) Non è finita in tragedia solo per fortuna, ma poteva essere una vera e propria strage all’americana. Fortunatamente nessuno dei 10 ragazzi rimasti feriti in una sparatoria avvenuta in un pub a Taranto risulta in gravi condizioni. E’ accaduto nel discopub Yachting club di San Vito dove durante una maxi festa con 300 universitari due gruppi hanno iniziato a litigare. Un ragazzo avrebbe poi tirato fuori una pistola e ferito quattro ragazze e sei ragazzi. Tutti i feriti sono stati trasportati in ospedale con ambulanze del 118. Intanto tre dei dieci giovani feriti (quattro ragazze e sei ragazzi), sono stati dimessi dall’ospedale Santissima Annunziata. Altri due sono in osservazione al pronto soccorso e i rimanenti cinque sarebbero stati trasferiti nei reparti. Uno di loro è in prognosi riservata nel reparto di Chirurgia vascolare a Taranto. Alcuni di loro sono stati colpiti dai proiettili, altri – secondo le prime e frammentarie notizie che filtrano dagli ambienti investigativi – si sarebbero procurati lesioni durante la ressa che si è creata. Alcuni dei feriti sarebbero stati sottoposti a intervento chirurgico per l’estrazione dei proiettili.
Con l’accusa, tra l’altro, di duplice tentato omicidio, un 37enne tarantino con piccoli precedenti è stato sottoposto a fermo dalla Polizia Sul luogo dell’accaduto sono intervenute pattuglie della Squadra Mobile e della Squadra Volante e sono state avviate le indagini per ricostruire con precisione le fasi dell’accaduto e risalire alle responsabilità. La lite sarebbe scaturita per futili motivi, forse legata allo spaccio di droga, e poi degenerata nella sparatoria intorno alle 2 della notte scorsa. Gli inquirenti hanno visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza del locale a cui è annesso anche uno stabilimento balneare.

Related posts

Ci sono altre tre ragazze che accusano il manager farmaceutico lombardo

Redazione Ore 12

Lo psichiatra: con più caldo e più luce aumenta aggressività

Redazione Ore 12

Confessione shock della mamma della piccola Elena: “Non volevo guardarla, l’ho uccisa mentre ero girata”

Redazione Ore 12