Covid

Speranza: “Contro la pandemia bisogna correre. Non è finita”

(Red) “Purtroppo la pandemia non è finita, dobbiamo dire la verità: i numeri ci segnalano anche in altre parti d’Europa e del mondo che, nonostante una vaccinazione significativa, il contagio può esserci a causa delle varianti, soprattutto Delta. Questo deve spingerci ancora di più a correre sulle vaccinazioni e a mantenere quell’atteggiamento di prudenza, attenzione e gradualità che ritengo davvero essere indispensabile”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, oggi a margine della visita all’ospedale ‘San Leopoldo Mandic’ di Merate, in provincia di Lecco.
“Dobbiamo proseguire su quella strada che abbiamo iniziato il 26 aprile scorso – ha aggiunto Speranza – una strada di gradualità, di grande attenzione e prudenza, perché questa battaglia non è ancora vinta, dobbiamo dirlo con grande franchezza: dobbiamo fare i conti con l’insidia delle varianti con il massimo dell’attenzione”. La vaccinazione, ha quindi ricordato il ministro, è la “vera e più importante arma che noi abbiamo per chiudere questa stagione così difficile. Oggi supereremo 54 milioni di dosi somministrate e dobbiamo insistere e lavorare perché questo vaccino è veramente fondamentale se vogliamo metterci alle spalle un passato così difficile”, ha concluso il ministro.

Related posts

Vaccino AstraZeneca, l’Ema certifica “rari eventi trombotici” ma giudizio positivo

Redazione Ore 12

Mascherine contro il Covid, sul posto di lavoro saranno solo raccomandate

Redazione Ore 12

Vaccinazioni, l’Inps pronta a schierare i suoi medici

Redazione Ore 12