Covid

Super Green Pass alle porte, si stringe il cerchio sui non vaccinati

Ormai è solo questione di giorni per la decisione finale, ma la decisione il governo l’ha presa. Scatterà il Super Green Pass per fronteggiare la quarta ondata di Coronavirus che ha travolto tutta l’Europa. Stretta sui non vaccinati già in zona bianca. E’ questa – si legge sul Corriere della Sera – l’ipotesi più accreditata per le misure restrittive da mettere in atto per contenere la pandemia. Chi non si vaccina non potrà sedersi al ristorante, andare al cinema, a teatro, allo stadio, in discoteca, a sciare, o frequentare palestre e piscine.Per salvare il Natale e la stagione turistica invernale e per smuovere lo zoccolo duro di 7,6 milioni di no vax, il governo sposa la linea dura, come invocano i presidenti delle Regioni.Il certificato verde diventerà un Super Green Pass. Vale a dire – prosegue il Corriere – che non si otterrà più con il tampone, ma solo con il vaccino o con la guarigione dal Covid. In buona sostanza l’obiettivo è quello di tenere aperto il Paese ed evitare contraccolpi alla ripresa economica che finalmente muove passi decisi. Come? L’ipotesi sul tavolo è quella di rimodulare la durata del certificato e tutelare le cosiddette ‘due G’ ovvero guariti e vaccinati secondo la formula mutuata dalla Germania: un ‘super’ documento verde, quindi, che consenta solo a queste due categorie di accedere a cinema, teatri, palestre e altre attività ludiche finendo così per limitare gli irriducibili contrari al vaccino. La posizione dell’esecutivo nelle ultime ore è stata intanto delineata dal sottosegretario alla Salute Andrea Costa: “Non parlerei di lockdown per non vaccinati. Ma, con il peggioramento della situazione epidemiologica e il passaggio in arancione di alcune Regioni – ha spiegato -, di un provvedimento che prevede già in automatico una serie di restrizioni. Penso che queste limitazioni non debbano essere pagate da chi è vaccinato. Penso, tolto l’accesso al lavoro e ai bisogni di prima necessità, che per certe attività come i ristoranti, i cinema, il teatro, si debbano limitare solo a chi vaccinato”.

aggiornamento pandemia Covid del 23 novembre 2021 ore 15.46

Related posts

Nuovo caso di vaiolo delle scimmie a Roma: salgono a cinque gli episodi in Italia

Redazione Ore 12

Arcuri: “Se avessimo i vaccini potremmo vaccinare 45milioni di italiani entro l’autunno””

Redazione Ore 12

Covid, Bassetti: “Cina ha usato un vaccino che funziona, forse, al 50%, quando va bene”

Redazione Ore 12