Primo piano

Terrorismo, inchiesta che parte da Roma sull’utilizzo del Dark Web. Operazione congiunta di Carabinieri e Polizia di Stato

 

In diverse città italiane, la Polizia di Stato e i Carabinieri hanno eseguito numerose perquisizioni disposte dalla Procura Distrettuale di Roma per associazione con finalità di terrorismo internazionale, nell’ambito di un’operazione congiunta che ha coinvolto complessivamente 29 persone. L’operazione costituisce l’epilogo di una più vasta e articolata indagine diretta a prevenire la minaccia terroristica di matrice religiosa derivante dall’utilizzo del dark web. L’attività investigativa ha avuto inizio oltre un anno fa in seguito alla segnalazione – acquisita dall’Antiterrorismo della Polizia di Stato e dal Ros attraverso il Federal Bureau Investigation statunitense – dell’esistenza di un sito di propaganda dell’organizzazione terroristica Isis presente nel dark web cui potevano aver fatto accesso internauti presenti in Italia. Nel corso delle perquisizioni – che hanno interessato le città di Roma, Milano, Torino, Ancona, Bergamo, Padova, Verona, Rovigo, Vercelli, Bologna, Cesena, Rimini, Latina, Arezzo, Foggia, Reggio Calabria, Ragusa, Trapani e Caltanissetta – sono stati sequestrati numerosi device oltre a materiale informatico, su cui proseguono gli approfondimenti delle Digos e delle articolazioni della catena anticrimine del Ros, supportati dai rispettivi Uffici centrali.

Related posts

Italia centrale. Ricostruzione post sisma, al via cronoprogramma e ordinanze specifiche dal 2022

Redazione Ore 12

Green Pass e nuova normativa, i periti di tribunale dichiarano lo stato d’agitazione

Redazione Ore 12

Attacco in Congo, Fico: “Atto di incomprensibile e vigliacca ferocia, siamo addolorati e costernati”

Redazione Ore 12