Covid

Terza dose ai prof, poi a tutti coloro che sono scoperti

Sì alla corsia preferenziale per la terza dose anche a docenti e personale scolastico, rispettando i sei mesi di distanza dalla seconda, perché anche loro lavorano in ambienti a rischio. Lo dice il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. Il rialzo dei casi previsto, e le manifestazioni No vax non hanno giovato, riflette. Sileri ha spiegato infine che gli under 20 assorbono il 23% dei nuovi contagi. “Oltre a prendere il virus, i giovani lo portano a casa”, ricorda Sileri nell’intervista al Corriere della Sera. Il sottosegretario alla Salute sottolinea anche che èrematuro parlare di alleggerire o addirittura abolire il Green pass, anche se “vivremo un Natale libero”. Non va dimenticato comunque che l’indice di trasmissibilità basato sui casi sintomatici è in aumento e quello basato sui ricoveri ospedalieri ha superato la soglia epidemica . Serve quindi cautela e proseguire con le vaccinazioni, visto che “gli over 50 completamente scoperti, senza neppure una dose sono 2 milioni 731 mila circa e non sono ottimista sul fatto di poterli recuperare, nonostante le campagne di sensibilizzazione.L’unica risorsa sono i medici di famiglia e la persuasione porta a porta”. Imminente infine la decisione sulla seconda dose per chi ha fatto il monodose J&J. “Mi risulta che gli organismi tecnici siano orientati a prevedere un richiamo con un vaccino a mRNA, molto probabilmente almeno dopo due mesi dall’unica iniezione. Siamo nei tempi visto che queste persone si sono immunizzate tra aprile e maggio”.

aggiornamento pandemia Covid del 2 novembre 2021 ore 14.25

Related posts

Covid, in discesa netta tutti i parametri. Rt mai così basso dal giugno scorso

Redazione Ore 12

Astra Zeneca promette milioni di dosi per le prossime settimane

Redazione Ore 12

Super-piano anti Covid

Redazione Ore 12